Italia markets closed

Coronavirus, calciatore del Novara cita Mussolini ed è polemica

Difensore del Novara Calcio a autore del post contestato

Ha elogiato su Instagram Benito Mussolini riportando una sua frase alludendo all’epidemia da coronavirus.

In un post, successivamente rimosso, il difensore 28enne del Novara Calcio (serie C) Andrea Sbraga ha definito Mussolini un "grande statista lungimirante" e ha citato una sua frase estrapolata da un discorso del 1927: "Nei prossimi decenni i cinesi invaderanno il mondo con prodotti a basso costo e le epidemie che coltivano al loro interno".

LEGGI ANCHE: Coronavirus, papà Di Battista cita Mussolini: "Pericolo giallo"

GUARDA ANCHE: Coronavirus, Ludogorets con le mascherine prima dell'Inter

La bufera è scoppiata, non solo sui social, ma anche in consiglio comunale. Come riporta Repubblica, la consigliera del Pd, Sara Paladini, ha chiesto all'amministrazione di prendere posizione "perché questo calciatore indossa la maglia di una squadra che porta il nome della nostra città".

Dello stesso avviso il presidente e amministratore delegato del Novara Calcio, Marcello Cianci: "Oggi avremo un incontro con tutti i ragazzi per spiegare da un lato che se si ha un ruolo pubblico bisogna fare attenzione all'uso dei social e che non è il caso di fare ironia su una situazione delicata come questa. Coglieremo anche l'occasione per spiegare cosa è stato il Ventennio e invitare a leggere bene i libri di storia". Cianci, però, definisce il gesto del calciatore "un'ingenuità da ragazzo".

Se il presidente cerca di sottovalutare l'infelice uscita del difensore, a difenderlo a spada tratta è l'assessore allo sport di Novara, Marina Chiarelli (Fratelli d'Italia): "Voglio stigmatizzare quanto sta accadendo, il ragazzo non ha scritto quelle parole ma le ha riportate, copiando e incollando. Però ora sta subendo attacchi anche sui social network sgradevoli e che travalicano la questione. Non ha assolutamente inneggiato al fascismo ma ha fatto un post ironico".

GUARDA ANCHE: Emergenza coronavirus: Juventus-Inter si giocherà a porte chiuse

Intanto a Novara sono emersi tre possibili casi di contagio da coronavirus: una famiglia di coniugi, insieme al figlio. Sarà l'Istituto Spallanzani di Roma a confermare se si tratta di Covid-19. Il padre di famiglia è dipendente in una ditta in Lombardia, dove un altro lavoratore sarebbe risultato positivo.