Italia Markets closed

Cos’è il trading online, come funziona e dove praticarlo

Fabio Carbone
Guida introduttiva cos’è il trading online, utile per comprendere le basi di un mondo affascinante che per alcuni è diventato un lavoro professionale ricco di soddisfazioni personali. Valutiamo insieme le opportunità e i rischi.

Sei alla ricerca di una guida rapida che ti introduca nel mondo del trading, attraverso questo articolo vogliamo aiutarti a capire cos’è il trading online, come funziona l’attività del trader online e come si fa a praticare quella che per alcuni è diventata una professione a tutti gli effetti.

Partiremo da una introduzione sul cos’è il trading onlie, conoscerai le piattaforme online dove è possibile svolgere tale attività e dove trovare materiale utile per saperne di più.

Cos’è il trading online

L’espressione trading online viene dall’inglese, ma è stata italianizzata per così dire, perché in realtà andrebbe scritta online trading. La corretta interpretazione in lingua italiana è negoziazione digitalizzata di titoli finanziari.

Cosa sono i titoli finanziari: obbligazioni, azioni, ecc. Questi e molti altri sono i titoli finanziari.

L’online trading è un servizio fornito sia dalle banche che da piattaforme appositamente nate allo scopo. Se possiedi un conto corrente online è probabile che tu possa attivare anche un conto di trading per operare nei mercati azionari, obbligazionari e delle materie prime.

I broker online sono invece società nate appositamente per fornire strumenti di trading online per operare sui mercati italiani e internazionali.

Banche e broker online devono possedere apposite licenze per operare, che in Italia sono rilasciate dalla Consob.

Su cosa si investe facendo trading online

Facendo trading online investi in titoli azionari, obbligazioni, valute a corso legale, investi in criptovalute, operi sulle materie prime. Lo scenario è ricco di possibilità e grazie a internet è possibile operare in qualsiasi parte del mondo senza dover essere fisicamente presente in una determinata Borsa.

Come iniziare a fare trading online in Italia

Come scritto in apertura della guida cos’è il trading online e come iniziare, per alcuni è diventata una vera professione. Prima di potersi dichiarare professionisti del trading online, “la gavetta” e la preparazione sono lunghe.

Fare trading online non è una scommessa e richiede preparazione e consapevolezza di quelle che sono le regole di base dell’economia e della finanza, quindi bisogna studiare gli strumenti del trading.

Nei prossimi paragrafi scoprirai quali strumenti e supporti usare per diventare un trader freelance.

Come imparare a fare il trading online

Il web è ricco di siti web dove apprendere nozioni di base per imparare a fare trading online. Il nostro sito fxempire.it ha una sezione educational con tante guide utili da consultare. Inoltre consigliamo la consultazione del sito web dell’Annuario del trading online italiano, ricco in informazioni e corsi gratuiti da seguire in ogni parte d’Italia. L’annuario è anche un vero e proprio libro / guida cartaceo contenente l’elenco delle banche, broker, esperti di settore e gruppi Facebook autorevoli dedicati all’argomento finanziario. Il sito ha pure una sezione notizie con utili articoli di approfondimento.

Se cerchi la libreria digitale del trading ti consigliamo di visitare Trading Library, sito web dedicato ai libri per trader alle prime armi ed esperti. Nella libreria sono disponibili libri per tutte le tasche.

I corsi per diventare trader

Possiamo dire che i libri, i buoni libri di trading, sono dei veri e propri corsi scritti da esperti riconosciuti del settore. Esperti che svolgono la professione di trader e gestiscono o partecipano a corsi di formazione a pagamento.

I corsi per diventare trader sono utili per intrecciare relazioni con altri trader in formazione, per formare gruppi di confronto e di collaborazione. I corsi per trader avanzati servono a quanti cercano una specifica competenza e non l’hanno trovata in un libro.

L’investimento di base per iniziare

Il consiglio è di non eccedere il 10% delle proprie disponibilità economiche, di non farsi quindi prendere dal desiderio di investire di più con la speranza di guadagnare di più. Si può iniziare anche da cifre basse, ma cento o trecento euro non sono sufficienti per dare vita a una strategia di trading.

Se non ti riconosci già più in questo profilo valuta di investire nei nuovi buoni fruttiferi postali.

I rischi del trading online e le opportunità

Il trading online è rischioso perché gli asset acquistati variano di prezzo in base a regole di mercato e a fattori esterni in alcuni casi prevedibili e altre volte poco prevedibili. Chi sa “dominare” tutti (o quasi) gli eventi, ha tra le mani una delle più potenti macchine generatrici di guadagni che esistano sulla Terra.

Molti si chiedono come fare per ridurre i rischi del trading online e la risposta, che può sembrare banale ma non è così, è studiando i mercati.

Cosa si intende per studio dei mercati. Dando per scontato che tu abbia studiato libri o seguito corsi che ti hanno fornito le basi dell’online trading, ti trovi ora nella condizione di dover pianificare una strategia che è tesa a massimizzare i guadagni. La strategia del trader non può basarsi solo sulle regole tecniche apprese dal libro o durante i corsi.

Ammettiamo che tu decida di investire in azioni, in particolare in azioni Amazon, dovrai applicare le tecniche apprese anche alla luce delle informazioni provenienti dalla società Amazon: l’approvazione del bilancio di fine anno, le stime di crescita, le novità, le eventuali acquisizioni di società controllate o loro cessione. Tutti fattori che influiscono sulle variazioni di prezzo dell’azione e che, con le sole competenze tecniche apprese durante un corso, non potrai prevedere.

L’economia comportamentale e il trading online

Il trading è fatto anche di astuzia, il trading è fatto di psicologia, quindi di scelte. Non a caso nel 2017 ha ricevuto il Premio (Nobel) all’economia Richard Thaler per i suoi studi sull’economia dei comportamenti. Thaler ha contribuito a gettare nuova luce sulla relazione che intercorre tra analisi economica e psicologia dei processi decisionali individuali. Può sembrarti lontano da una guida al trading online, invece è proprio ciò che fa il trader ogni qualvolta apre o chiude una posizione di trading! Compie un processo decisionale individuale che ha valore economico.

Insomma, guadagnarsi il titolo di trader professionista richiede preparazione.

Quale piattaforma di trading online scegliere?

Di questo argomento ne abbiamo scritto approfonditamente nella recente guida che cos’è il Foreign exchange market (Forex), qui sintetizziamo l’argomento che potrai lì approfondire.

Come accennato in apertura il trading onlie è operato dalle banche e da broker autorizzati da Consob e da altri enti governativi. Nello scegliere la piattaforma di trading online è fondamentale verificare che la società finanziaria sia autorizzata e rispetti la normativa europea sulla tutela degli investitori riassunta nella direttiva MIFID II.

Importante sapere che spesso le banche e i broker online presentano strumenti di trading diversi. Le banche potrebbero offrire piattaforme per il solo acquisto al dettaglio di azioni, materie prime, obbligazioni; i broker online spesso operano con i contratti per differenza (CFD), possedere i CFD non significa possedere un determinato titolo azionario: i CFD sono pura speculazione sul prezzo.

Concludendo

Sei giunto al termine della guida introduttiva cos’è il trading online, per approfondire alcuni aspetti particolari ti invitiamo a leggere la guida ai fondi di investimento, oppure ad approfondire la guida al risparmio degli italiani e delle famiglie.

Se credi che il trading non faccia al caso tuo, opta per la guida ai buoni del tesoro poliennali (BTP).

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: