Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.364,50
    +99,13 (+0,29%)
     
  • Nasdaq

    13.855,13
    +86,21 (+0,63%)
     
  • Nikkei 225

    27.588,37
    +66,11 (+0,24%)
     
  • EUR/USD

    1,1326
    -0,0028 (-0,25%)
     
  • BTC-EUR

    32.636,31
    +1.274,69 (+4,06%)
     
  • CMC Crypto 200

    840,17
    +29,57 (+3,65%)
     
  • HANG SENG

    24.656,46
    -309,09 (-1,24%)
     
  • S&P 500

    4.410,13
    +12,19 (+0,28%)
     

Covid, vaccini probabilmente prevengono sintomi gravi Omicron - esperto Sud Africa

·1 minuto per la lettura
Siringhe contenenti il ​​vaccino Pfizer-BioNTech contro il Covid-19

di Alexander Winning e Wendell Roelf

JOHANNESBURG (Reuters) - Gli attuali vaccini contro il Covid-19 sono probabilmente efficaci nel prevenire sintomi gravi e ricoveri in seguito a un'infezione causata dalla nuova variante Omicron.

Lo ha rivelato il professore Salim Abdool Karim, un alto esperto sud africano di malattie infettive.

Il prof. Abdool Karim - capo consigliere governativo durante la prima risposta alla pandemia - ha aggiunto che è troppo presto per determinare se Omicron provoca sintomi clinici più gravi rispetto alle precedenti varianti.

Tuttavia, risulta più contagiosa, con una maggiore probabilità d'infezione per persone vaccinate o già infette.

"In base a ciò che sappiamo e a come le altre varianti hanno reagito all'immunità vaccinale, possiamo prevedere che vedremo una maggiore efficacia rispetto a ricoveri e sintomi gravi, e che la protezione dei vaccini rimarrà probabilmente forte", ha detto durante una conferenza stampa.

La prevenzione dei sintomi più gravi è principalmente una funzione d'immunità dei linfociti T, differente dall'immunità anticorpale che spesso blocca le infezioni, "perciò anche se c'è una via di fuga dagli anticorpi, è molto difficile sfuggire all'immunità dei linfociti T", ha aggiunto.

La scoperta della variante in Africa meridionale ha causato una forte reazione a livello globale, con diversi paesi che hanno imposto divieti d'ingresso dalla regione e altre restrizioni, su timori di una possibile rapida diffusione della variante anche in popolazioni vaccinate.

(Tradotto a Danzica da Enrico Sciacovelli, in redazione a Roma Stefano Bernabei, enrico.sciacovelli@thomsonreuters.com, +48587696613)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli