Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.970,73
    +112,53 (+0,49%)
     
  • Dow Jones

    33.761,05
    +424,35 (+1,27%)
     
  • Nasdaq

    13.047,19
    +267,29 (+2,09%)
     
  • Nikkei 225

    28.871,78
    +324,80 (+1,14%)
     
  • Petrolio

    87,98
    -4,11 (-4,46%)
     
  • BTC-EUR

    23.717,21
    -661,34 (-2,71%)
     
  • CMC Crypto 200

    574,08
    +2,80 (+0,49%)
     
  • Oro

    1.791,50
    -24,00 (-1,32%)
     
  • EUR/USD

    1,0197
    -0,0061 (-0,59%)
     
  • S&P 500

    4.280,15
    +72,88 (+1,73%)
     
  • HANG SENG

    20.040,86
    -134,76 (-0,67%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.782,62
    +5,81 (+0,15%)
     
  • EUR/GBP

    0,8447
    -0,0009 (-0,11%)
     
  • EUR/CHF

    0,9639
    -0,0016 (-0,16%)
     
  • EUR/CAD

    1,3154
    +0,0052 (+0,40%)
     

Energia, prezzi elevati inevitabili in breve e medio termine - ARERA

Fiamme di un fornello a gas in una casa a Nizza, in Francia

MILANO (Reuters) - Un livello elevato di prezzi e costi per tutto il sistema energetico è inevitabile almeno nel "breve-medio termine".

Lo sostiene Stefano Besseghini, presidente dell'Autorità di Regolazione per Energia, Reti e Ambiente (ARERA), durante la presentazione della relazione annuale 2022.

Secondo l'authority fondata nel 1995, uno degli strumenti per affrontare questa crisi è il risparmio energetico.

"Consumi controllati di energia elettrica e gas significano meno necessità di produzione e meno necessità di importare gas e materie prime", ha spiegato il presidente.

Nel 2021 si è raggiunto il minimo storico della quantità di gas estratta in Italia: 3,3 miliardi di metri cubi. Di questi, 1,87 miliardi sono stati prodotti dal mare e 1,6 da impianti in terraferma.

Le importazioni sono invece cresciute del 9,9% rispetto al 2020 raggiungendo 73 miliardi di metri cubi. Lo scorso anno il primo fornitore di gas all'Italia risulta la Russia, seguita da Algeria e al terzo posto da Azerbaigian.

Il presidente si è infine soffermato sulle misure messe in campo dal governo, che da gennaio ha stanziato circa 33 miliardi di euro per sterilizzare gli aumenti delle bollette per famiglie e imprese.

Questa "intensità di risorse" è insostenibile nel lungo periodo, ha spiegato Besseghini aggiungendo che "un intervento ad ampio spettro" deve essere sostituito da "meccanismi più selettivi".

(Francesco Zecchini, editing Alessia Pé)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli