Italia markets closed
  • FTSE MIB

    21.066,55
    -732,56 (-3,36%)
     
  • Dow Jones

    29.590,41
    -486,27 (-1,62%)
     
  • Nasdaq

    10.867,93
    -198,88 (-1,80%)
     
  • Nikkei 225

    27.153,83
    -159,30 (-0,58%)
     
  • Petrolio

    79,43
    -4,06 (-4,86%)
     
  • BTC-EUR

    19.570,20
    -232,03 (-1,17%)
     
  • CMC Crypto 200

    434,61
    -9,92 (-2,23%)
     
  • Oro

    1.651,70
    -29,40 (-1,75%)
     
  • EUR/USD

    0,9693
    -0,0145 (-1,47%)
     
  • S&P 500

    3.693,23
    -64,76 (-1,72%)
     
  • HANG SENG

    17.933,27
    -214,68 (-1,18%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.348,60
    -78,54 (-2,29%)
     
  • EUR/GBP

    0,8927
    +0,0188 (+2,15%)
     
  • EUR/CHF

    0,9509
    -0,0100 (-1,04%)
     
  • EUR/CAD

    1,3169
    -0,0093 (-0,70%)
     

Eni e Adnoc puntano ad accelerazione progetto Ghasha ad Abu Dhabi

Il logo Eni presso una stazione di servizio nel quartiere Eur a Roma

MILANO (Reuters) - Eni e Adnoc, controllata statale di Abu Dhabi, hanno discusso dell'accelerazione del progetto multimiliardario di Ghasha.

Lo dice una nota della società, che fa seguito all'incontro svoltosi oggi negli Emirati Arabi Uniti tra l-AD di Eni Claudio Descalzi e Ahmed Al Jaber, ministro dell'industria e della tecnologia avanzata degli Emirati Arabi Uniti e Direttore generale e amministratore delegato della National Oil Company di Abu Dhabi (Adnoc).

"Si stima che il progetto contenga significativi volumi di gas recuperabile e potrebbe arrivare a produrre oltre 42,5 milioni di metri cubi giorno, in aggiunta a oltre 120.000 barili di olio e condensati di alto valore al giorno" si legge nel comunicato Eni.

Al Jaber e Descalzi hanno discusso dell'andamento delle attività della società nell'Emirato, di progetti futuri e aree di interesse e collaborazione comune, "con l'obiettivo di accelerare i progetti di sviluppo esistenti e il time-to-market di nuove scoperte esplorative e attività internazionali, in linea con la strategia comune di decarbonizzazione e per contribuire a maggiori forniture di gas a livello mondiale", dice la nota.

(Alessia Pé, editing Sabina Suzzi)