Italia markets open in 4 hours 21 minutes
  • Dow Jones

    29.590,41
    -486,29 (-1,62%)
     
  • Nasdaq

    10.867,93
    -198,87 (-1,80%)
     
  • Nikkei 225

    26.593,64
    -560,19 (-2,06%)
     
  • EUR/USD

    0,9663
    -0,0025 (-0,26%)
     
  • BTC-EUR

    19.567,06
    -201,13 (-1,02%)
     
  • CMC Crypto 200

    434,05
    -10,49 (-2,36%)
     
  • HANG SENG

    18.013,83
    +80,56 (+0,45%)
     
  • S&P 500

    3.693,23
    -64,76 (-1,72%)
     

Esma valuta modifiche collaterali per alleviare crisi energetica

Bandiere Ue davanti alla sede della Commissione europea a Bruxelles

LONDRA (Reuters) - Esma, l'authority di vigilanza su strumenti finanziari e mercati dell'Unione europea, ha detto che sta valutando una mossa inusuale per aiutare le società energetiche che faticano a trovare liquidità sufficiente per coprire le loro posizioni.

La Ue e la Gran Bretagna stanno lottando per mitigare lo shock di quella che alcuni politici hanno definito una "guerra energetica" con la Russia, che ha ridotto le esportazioni di gas verso l'Europa dopo che l'Occidente ha imposto sanzioni per l'invasione dell'Ucraina.

Mercoledì la Commissione europea presenterà un pacchetto di misure per aiutare le aziende dell'energia che si trovano ad affrontare una crisi di liquidità.

Spesso le aziende infatti vendono energia in anticipo, ma devono mantenere un "margine" minimo o un deposito in contanti in caso di inadempienza prima di fornire l'energia.

L'ammontare di tali garanzie richieste è aumentato di pari passo con l'aumento dei prezzi dell'energia.

"Ci rendiamo conto della tensione per alcuni operatori di mercato e stiamo valutando attivamente se, oltre al monitoraggio di vigilanza, siano necessarie misure di regolamentazione", ha detto un portavoce dell'Esma.

"Questo include, tra l'altro, i punti dei collaterali e i circuit breaker".

L'Esma regolamenta direttamente le camere di compensazione nella Ue, che a loro volta fissano livelli obbligatori di margine in base ai rischi potenziali dei mercati e delle controparti.

L'intervento pubblico in questo settore è raro, soprattutto dopo che la crisi finanziaria globale di oltre dieci anni fa ha portato a requisiti di margine più severi.

La necessità di raddoppiare approssimativamente il fondo di compensazione per inadempienze del London Metal Exchange all'inizio di quest'anno, quando i prezzi del nickel sono saliti alle stelle dopo l'invasione dell'Ucraina da parte della Russia, ha ricordato la necessità di evitare di indebolire i compensatori.

Alcuni funzionari del settore sperano che si possano utilizzare forme di garanzia non liquide, come le garanzie bancarie o le lettere di credito, ampiamente utilizzate negli Stati Uniti nei mercati dell'energia fisica.

Consentire il loro uso o apportare altre modifiche alle garanzie significherebbe dover alleggerire le norme sui derivati "Emir" del blocco e le linee guida delle autorità di regolamentazione.

Le interruzioni di circuito (circuit breakers) si riferiscono a temporanee interruzioni delle negoziazioni in seguito a un movimento di prezzo insolito.

"Qualsiasi misura di regolamentazione dei mercati finanziari deve tenere in debito conto l'importanza di mantenere la stabilità finanziaria del mercato, anche per quanto riguarda le infrastrutture di mercato e i partecipanti al mercato", ha detto l'Esma.

"Pertanto, qualsiasi misura deve essere attentamente valutata e ponderata, per garantire che apporti benefici senza aumentare i rischi per la stabilità finanziaria del sistema"

La scorsa settimana la Bank of England e il Ministero delle Finanze hanno annunciato un piano di finanziamento dei mercati energetici da 40 miliardi di sterline (46,7 miliardi di dollari) per aiutare gli operatori di mercato a far fronte alla carenza di liquidità.

Nella giornata di oggi la BoE, che regola le stanze di compensazione in Gran Bretagna, non ha commentato in merito a possibili misure specifiche sulle garanzie.

(Tradotto da Luca Fratangelo, editing Gianluca Semeraro)