Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.612,04
    +116,97 (+0,48%)
     
  • Dow Jones

    34.777,76
    +229,23 (+0,66%)
     
  • Nasdaq

    13.752,24
    +119,39 (+0,88%)
     
  • Nikkei 225

    29.357,82
    +26,45 (+0,09%)
     
  • Petrolio

    64,82
    +0,11 (+0,17%)
     
  • BTC-EUR

    48.190,74
    +1.460,66 (+3,13%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.480,07
    +44,28 (+3,08%)
     
  • Oro

    1.832,00
    +16,30 (+0,90%)
     
  • EUR/USD

    1,2167
    +0,0098 (+0,82%)
     
  • S&P 500

    4.232,60
    +30,98 (+0,74%)
     
  • HANG SENG

    28.610,65
    -26,81 (-0,09%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.034,25
    +34,81 (+0,87%)
     
  • EUR/GBP

    0,8695
    +0,0013 (+0,14%)
     
  • EUR/CHF

    1,0948
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,4743
    +0,0081 (+0,55%)
     

EUR/USD: si Riparte a 1,2020 Dopo la Presa di Profitto di Fine Mese

Alberto Ferrante
·2 minuto per la lettura

Il cambio EUR/USD ha mostrato la scorsa settimana un andamento molto variabile, iniziando con un rally che è andato rapidamente esaurendosi prima della chiusura mensile.

Nonostante la debolezza dell’indice del dollaro statunitense, che ha toccato nuovi minimi relativi, il cambio EUR/USD non è riuscito infatti a imporsi e ha chiuso la seduta settimanale intorno a quota 1,2020.

Si tratta di una banda di prezzo tutt’altro che nuova per il Fiber in questo periodo, ma particolarmente interessante per la sua vicinanza al livello critico di 1,20.

Ancora una volta, è proprio questo valore a rappresentare il baricentro per le previsioni settimanali del cambio EUR/USD.

Stamattina, alle ore 7:45, il cambio EUR/USD si trova a 1,2021 mentre l’indice del dollaro statunitense segna i 91,36 punti.

Previsioni settimanali per il Cambio EUR/USD

Innanzitutto, occorre segnalare che il drastico calo del cambio EUR/USD risulta legato in parte anche alla presa di profitto degli investitori alla chiusura del mese, a cui si è sommato un rialzo dei rendimenti decennali statunitensi.

Per il cambio EUR/USD, un calo sotto il livello di supporto di 1,20 indicherebbe una ripresa della tendenza ribassista, capace di spingere il Fiber anche verso livelli inferiori a 1,19.

Tuttavia, nel breve termine il supporto a 1,1980 potrebbe permettere al cambio EUR/USD di ridurre le perdite e invertire nuovamente il suo trend.

L’eventuale scenario ribassista sarà verosimilmente abilitato da un rialzo nei rendimenti dei decennali statunitensi, oltre che dall’impatto dei market movers provenienti dall’Europa, in una settimana molto ricca di eventi macroeconomici.

L’ipotesi rialzista, invece, vedrebbe il cambio EUR/USD riprendere il suo rally con un superamento della prima resistenza a 1.2050 e della successiva a 1.2090. Il target settimanale per il cambio EUR/USD potrebbe coincidere con il raggiungimento del livello di 1,2150, già superato il 29 Aprile 2021, in occasione del massimo mensile.

Dato che il prezzo di 1,20 continua ad attirare molta attenzione, non si esclude nemmeno che nelle prime giornate della settimana il cambio EUR/USD possa ridurre la sua volatilità, tentando un consolidamento tra il livello di 1,20 e quello di 1,2050.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: