Italia markets closed
  • Dow Jones

    35.089,30
    +251,14 (+0,72%)
     
  • Nasdaq

    14.748,45
    +67,38 (+0,46%)
     
  • Nikkei 225

    27.641,83
    -139,19 (-0,50%)
     
  • EUR/USD

    1,1868
    -0,0008 (-0,07%)
     
  • BTC-EUR

    32.233,06
    -1.099,71 (-3,30%)
     
  • CMC Crypto 200

    933,86
    -9,58 (-1,02%)
     
  • HANG SENG

    26.194,82
    -40,98 (-0,16%)
     
  • S&P 500

    4.419,49
    +32,33 (+0,74%)
     

Generali, grandi soci privati potrebbero chiedere a Donnet di non presentare piano - stampa

·1 minuto per la lettura
Il logo Generali nel quartiere CityLife di Milano

ROMA (Reuters) - Alcuni grandi soci di Generali starebbero considerando di chiedere all'amministratore delegato Philippe Donnet di non presentare il piano industriale 2022-24 in una mossa ancora non attuata ma che equivarrebbe a una sfiducia.

Lo scrive il quotidiano la Repubblica, dicendo che questo è il "quadro che in privato tracciano alcuni grandi soci delle Generali", riferendo le intenzioni attribuite a Gaetano Caltagirone, che ha il 5,7% del Leone, Leonardo Del Vecchio con il 4,8%, i Benetton con il 3,9% e la Fondazione Crt con l’1,6%.

Il mandato di Donnet scade in aprile e ha detto che presenterà il suo piano "alla comunità finanziaria il 15 dicembre; qualche settimana prima — tra ottobre e metà novembre — dovrà sottoporlo al cda", scrive il quotidiano, spiegando che l'eventuale resa dei conti avrebbe quindi tempi stretti.

"Se alcuni consiglieri vogliono stopparlo prima dovranno muoversi presto: potrebbe avvenire già al consiglio in programma per il 2 agosto o a quello successivo di inizio settembre", scrive il quotidiano.

Non ci sono commenti da Benetton e Caltagirone e non è stato per il momento possibile avere commenti da Fondazione Crt, Del Vecchio.

(Stefano Bernabei, in redazione a Milano Elisa Anzolin)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli