Italia markets close in 6 hours 40 minutes
  • FTSE MIB

    26.616,93
    +91,78 (+0,35%)
     
  • Dow Jones

    35.603,08
    -6,26 (-0,02%)
     
  • Nasdaq

    15.215,70
    +94,02 (+0,62%)
     
  • Nikkei 225

    28.804,85
    +96,27 (+0,34%)
     
  • Petrolio

    82,73
    +0,23 (+0,28%)
     
  • BTC-EUR

    54.515,04
    -2.539,50 (-4,45%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.509,60
    -25,04 (-1,63%)
     
  • Oro

    1.792,40
    +10,50 (+0,59%)
     
  • EUR/USD

    1,1643
    +0,0012 (+0,10%)
     
  • S&P 500

    4.549,78
    +13,59 (+0,30%)
     
  • HANG SENG

    26.126,93
    +109,40 (+0,42%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.193,58
    +37,85 (+0,91%)
     
  • EUR/GBP

    0,8437
    +0,0011 (+0,13%)
     
  • EUR/CHF

    1,0672
    -0,0004 (-0,04%)
     
  • EUR/CAD

    1,4359
    -0,0020 (-0,14%)
     

Giancarlo Giorgetti: "Interesse del Paese è Draghi al Quirinale"

·2 minuto per la lettura
Giorgetti e Draghi (Photo: STEFANO CAROFEI EPA)
Giorgetti e Draghi (Photo: STEFANO CAROFEI EPA)

Quante Leghe? Ne esiste “una sola, fatevene una ragione”. Risponde così il ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti in un’intervista a La Stampa, per il quale non ci sono due linee, “al massimo sensibilità diverse”. “Amando le metafore calcistiche direi che in una squadra c’è chi è chiamato a fare gol e chi è chiamato a difendere. Io per esempio ho sempre amato Pirlo. Qualcuno deve segnare, qualcuno deve fare gli assist”, sostiene il numero due della Lega.

Capitolo Draghi. Perché “la vera discriminante politica per i prossimi sette anni è che cosa fa Draghi. Va al Quirinale? Va avanti col Governo? E se va avanti con chi lo fa?”, si interroga il ministro, il quale se fosse per lui “vorrei che rimanesse lì per tutta la vita” ma “il punto è che non può” perché “appena arriveranno delle scelte politicamente sensibili la coalizione si spaccherà. A gennaio mancherà un anno alle elezioni e Draghi non può sopportare un anno di campagna elettorale permanente” anche perché “da gennaio la musica sarà diversa. I partiti smetteranno di coprirlo e si concentreranno sugli elettori”.

La conclusione, per Giorgetti, è che “l’interesse del Paese è che Draghi vada subito al Quirinale, che si facciano subito le elezioni e che governi chi le vince”. Nello scenario B, Draghi resta al suo posto e Mattarella che fa? “Mattarella resta solo se tutti i partiti lo votano. E la Meloni ha già detto che non lo voterà”, ribatte Giorgetti. Ma Salvini lo voterebbe? “Penso di no”, per cui il bis si fa “complicato”.

Sorprendono le parole di Giorgetti sulle amministrative a Roma. L’esito “dipende da quanto Calenda riesce a intercettare il voto in uscita dalla destra. Nei quartieri del centro penso che sarà un flusso significativo. Ma non so come ragionino le periferie. Se Calenda va al ballottaggio con Gualtieri ha buone possibilità di vincere. E, al netto delle esuberanze, mi pare che abbia le caratteristiche giuste per amministrare una città complessa come Roma”. Ma se al ballottaggio ci vanno Gualtieri e Michetti, “vince Gualtieri”, risponde lapidario. Poca fiducia nel candidato di centrodestra, insomma, per la Capitale “il candidato giusto sarebbe stato Bertolaso”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli