Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.381,35
    -256,37 (-1,13%)
     
  • Dow Jones

    30.814,26
    -177,26 (-0,57%)
     
  • Nasdaq

    12.998,50
    -114,14 (-0,87%)
     
  • Nikkei 225

    28.519,18
    -179,08 (-0,62%)
     
  • Petrolio

    52,04
    -1,53 (-2,86%)
     
  • BTC-EUR

    30.054,21
    -43,57 (-0,14%)
     
  • CMC Crypto 200

    701,93
    -33,21 (-4,52%)
     
  • Oro

    1.827,70
    -23,70 (-1,28%)
     
  • EUR/USD

    1,2085
    -0,0071 (-0,58%)
     
  • S&P 500

    3.768,25
    -27,29 (-0,72%)
     
  • HANG SENG

    28.573,86
    +77,00 (+0,27%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.599,55
    -41,82 (-1,15%)
     
  • EUR/GBP

    0,8887
    +0,0010 (+0,11%)
     
  • EUR/CHF

    1,0759
    -0,0034 (-0,32%)
     
  • EUR/CAD

    1,5369
    +0,0008 (+0,05%)
     

Greggio in calo quasi del 2%, variante Covid rinnova timori su domanda

·1 minuto per la lettura
La silhouette di una raffineria al tramonto a Donges, in Francia

LONDRA (Reuters) - I prezzi del petrolio sono in ribasso quasi del 2%, sotto i 50 dollari al barile, estendendo le perdite della sessione precedente, con il nuovo ceppo del coronavirus riscontrato nel Regno Unito che ha riacceso i timori sulla ripresa della domanda.

La scoperta della nuova variante del virus ha spinto diversi Paesi a chiudere i propri confini con la Gran Bretagna, anche se un ministro britannico ha detto che il Regno Unito e la Francia stanno lavorando per riaprire una delle rotte commerciali più importanti d'Europa.

Alle 10,45 circa, i futures sul Brent sono in ribasso di 74 centesimi, o dell'1,45%, a 50,17 dollari al barile, mentre il greggio Usa perde 77 centesimi, ovvero l'1,61%, a 47,2 dollari.

"Nella battaglia tra immediati timori negativi e ottimismo futuro, i primi stanno ora avendo la meglio", ha detto Tamas Varga del broker petrolifero Pvm.

L'ultimo rally è culminato venerdì con il Brent che ha toccato i 52,48 dollari, al massimo da marzo. Alcuni vedono un possibile ulteriore calo dei prezzi.

"L'ambiente rimane decisamente avverso al rischio", ha detto Jeffrey Halley del broker Oanda. "Data la portata del rally di due mesi dei prezzi del petrolio, non si può escludere una correzione più profonda" ha aggiunto.