Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.027,44
    -173,23 (-0,51%)
     
  • Nasdaq

    13.867,59
    -184,75 (-1,31%)
     
  • Nikkei 225

    29.685,37
    +2,00 (+0,01%)
     
  • EUR/USD

    1,2034
    +0,0053 (+0,45%)
     
  • BTC-EUR

    46.026,12
    -152,52 (-0,33%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.239,42
    -59,54 (-4,58%)
     
  • HANG SENG

    29.106,15
    +136,44 (+0,47%)
     
  • S&P 500

    4.156,80
    -28,67 (-0,68%)
     

Greggio in calo su aumento scorte e timori per ripresa domanda

di Shadia Nasralla
·2 minuto per la lettura
Serbatoi di petrolio greggio presso l'hub di Cushing

di Shadia Nasralla

LONDRA (Reuters) - Calano i prezzi del greggio, proseguendo la serie di tre sedute negative, con l'aumento delle scorte Usa che si sommano ai rischi per la ripresa della domanda dopo lo stop precauzionale alle vaccinazioni anticovid Astrazeneca in alcuni paesi Ue.

Intorno alle 11,40, i futures sul Brent cedono 1,06 dollari, o l'1,5%, a 67,82 dollari. I futures sul greggio Usa scivolano di 1 dollaro, o dell'1,5%, a 64,39 dollari il barile.

Germania, Francia e Italia hanno sospeso la somministrazione del vaccino AstraZeneca per sincerarsi che non ci siano possibili gravi effetti collaterali, anche se l'Oms non ha notato legami concreti tra i sintomi e il vaccino.

Queste misure hanno alimentato i timori sul lento ritmo delle vaccinazioni nell'Unione europea, fattore che potrebbe rallentare la ripresa economica dalla pandemia in una delle zone più indebolite dalla crisi.

La pandemia ha colpito duramente la domanda del greggio, ma i prezzi sono ritornati ai livelli visti prima della crisi sanitaria globale, per poi essere limitati dalla lenta distribuzione dei vaccini nella maggior parte dei paesi.

Negli Stati Uniti, le scorte sono aumentate a causa del "grande gelo" di febbraio, che ha arrestato le attività di raffinamento, considerando anche le tempistiche necessarie per un ritorno a pieno regime.

"L'andamento a breve termine sarà deciso dai dati settimanali sulle scorte Usa", scrivono gli analisti Pvm in una nota, aggiungendo che la forza del dollaro contro altre valute sta zavorrando i prezzi del greggio.

Nella settimana fino al 5 marzo le scorte di greggio sono aumentate di 12,8 milioni di barili, contro le aspettative degli analisti per un aumento di oltre 1 milione di barili.

(Tradotto da Redazione Danzica, in Redazione a Roma Francesca Piscioneri, enrico.sciacovelli@thomsonreuters.com, +48587696613)