Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.002,85
    +125,88 (+0,37%)
     
  • Nasdaq

    14.253,19
    +111,71 (+0,79%)
     
  • Nikkei 225

    28.884,13
    +873,20 (+3,12%)
     
  • EUR/USD

    1,1955
    +0,0030 (+0,25%)
     
  • BTC-EUR

    27.315,47
    -274,43 (-0,99%)
     
  • CMC Crypto 200

    777,87
    -16,46 (-2,07%)
     
  • HANG SENG

    28.309,76
    -179,24 (-0,63%)
     
  • S&P 500

    4.251,51
    +26,72 (+0,63%)
     

Greggio, in calo su crisi indiana Covid-19, ripresa attività oleodotto

·2 minuto per la lettura
Una piattaforma di perforazione nel bacino del Permiano nella contea di Loving

LONDRA (Reuters) - I prezzi del petrolio perdono oltre il 2% con l'aggravarsi della crisi del coronavirus in India e la ripresa delle operazioni di un importante oleodotto Usa, interrompendo il rally che aveva portato il greggio a un massimo di otto settimane dopo che l'Aie e l'Opec avevano previsto un rimbalzo della domanda globale nel corso dell'anno.

Alle 10,40 circa, i futures sul Brent scambiano ​​​​​​​​​​​​in ribasso del 2,11​​​%​​, o di 1,91 dollari, a 67,41​ dollari al barile, dopo essere saliti dell'1% ieri. Il greggio Usa ​​​​​​​​​​​​​​​perde il 2,92​​%​​, o 1,93 dollari, a 64,15​​ dollari al barile, dopo un rialzo dell'1,2% nella sessione precedente.

Se tali perdite dovessero essere confermate, entrambi i contratti segnerebbero i maggiori cali giornalieri in termini percentuali dall'inizio di aprile.

In un segnale ribassista per la domanda di petrolio, una variante del coronavirus si sta diffondendo nelle campagne dell'India, il terzo importatore mondiale di greggio.

Gli operatori sanitari non sono stati in grado di dire quando i nuovi casi raggiungeranno un 'plateau' e gli altri Paesi sono allarmati per la trasmissibilità della variante che si sta diffondendo in tutto il mondo.

"Stanno crescendo le preoccupazioni che la diffusione incontrollata del coronavirus in India e nel sud-est asiatico possa intaccare la domanda di petrolio", hanno detto in una nota gli analisti di PVM.

Nel frattempo, la carenza di carburante è peggiorata negli Stati Uniti sudorientali, sei giorni dopo la chiusura del Colonial Pipeline, la più grande rete di condutture degli Stati Uniti, a seguito di un attacco ransomware.

L'oleodotto ieri ha iniziato a riavviare lentamente le attività e Colonial, che pompa più di 2,5 milioni di barili al giorno di carburante, ha detto di sperare di avere gran parte della rete operativa entro la fine della settimana.

(Tradotto da Alice Schillaci in redazione a Danzica, in redazione a Milano Sabina Suzzi, alice.schillaci@thomsonreuters.com, +48587696614)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli