Italia markets closed
  • FTSE MIB

    21.354,65
    +60,79 (+0,29%)
     
  • Dow Jones

    31.097,26
    +321,83 (+1,05%)
     
  • Nasdaq

    11.127,84
    +99,11 (+0,90%)
     
  • Nikkei 225

    25.935,62
    -457,42 (-1,73%)
     
  • Petrolio

    108,46
    +2,70 (+2,55%)
     
  • BTC-EUR

    18.317,55
    -243,96 (-1,31%)
     
  • CMC Crypto 200

    420,84
    +0,70 (+0,17%)
     
  • Oro

    1.812,90
    +5,60 (+0,31%)
     
  • EUR/USD

    1,0426
    -0,0057 (-0,54%)
     
  • S&P 500

    3.825,33
    +39,95 (+1,06%)
     
  • HANG SENG

    21.859,79
    -137,10 (-0,62%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.448,31
    -6,55 (-0,19%)
     
  • EUR/GBP

    0,8623
    +0,0016 (+0,19%)
     
  • EUR/CHF

    1,0002
    -0,0005 (-0,05%)
     
  • EUR/CAD

    1,3434
    -0,0056 (-0,42%)
     

Greggio, in lieve calo, mercato cerca equilibrio tra risk sentiment e timori offerta

Pompe petrolifere in un campo a Midland, in Texas

(Elimina refuso in titolo)

LONDRA (Reuters) - I prezzi del petrolio sono in leggero ribasso, con il mercato che cerca di bilanciare il risk sentiment con i timori legati all'offerta e la prospettiva di un aumento della domanda sulla scia dell'allentamento dei lockdown in Cina.

Alle 11,50 il Brent perde lo 0,33% a 119,11 dollari al barile, mentre i futures sul greggio statunitense cedono lo 0,28% a 118,17 dollari a barile, dopo aver guadagnato oltre 1 dollaro all'inizio della seduta.

Negli ultimi giorni ha contribuito a pesare sui prezzi l'autorizzazione del dipartimento di Stato Usa ad Eni e Repsol per spedire in Europa greggio venezuelano per sostituire i barili russi persi a partire da luglio.

Gli analisti comunque si attendono che la debolezza dei prezzi sia di breve durata, con Pechino e Shanghai ormai alla normalità dopo due mesi di lockdown per arginare i focolai di coronavirus nel paese.

Il mercato dubita anche che la decisione dell'Opec+ della scorsa settimana sulla produzione possa alleviare la scarsità di forniture.

Secondo gli analisti, la decisione del gruppo di anticipare gli aumenti della produzione di greggio a 648.000 barili al giorno a luglio e agosto difficilmente migliorerà l'equilibrio petrolifero globale, con alcuni Stati membri che faticano a rispettare gli incrementi delle quote e con l'aumento comunque inferiore alla perdita di greggio russo.

(Tradotto da Luca Fratangelo, editing Sabina Suzzi)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli