Italia Markets closed

Greggio, maggior rialzo in un mese su notizie attacco petroliera iraniana

LONDRA (Reuters) - I prezzi del greggio sono balzati sulla notizia riportata dai media iraniani che una petroliera di proprietà dello stato è stata colpita da due missili nel Mar Rosso vicino alle coste saudite, ma le prospettive pessimistiche per la domanda petrolifera hanno fatto velocemente ritracciare le quotazioni dai massimi.

La petroliera iraniana Suezmax Sabiti si è incendiata e ha subito danni ingenti dopo esser stata colpita da due missili, secondo gli organi di stampa iraniani.

Entrambi gli indici di riferimento per il petrolio hanno registrato il maggior rialzo dal 16 settembre, il primo giorno di scambi dopo l'attacco agli impianti sauditi che aveva spinto i prezzi in aumento di circa il 20%.

Intorno alle 12,30 italiane i futures sul Brent sono in rialzo di 84 cent, l'1,42%, a 59,94 centesimi al barile.

Il greggio leggero Usa sale di 96 centesimi (+1,79%) a 54,51 dollari al barile.

A frenare i prezzi hanno contribuito le previsioni della International Energy Agency (Iea), secondo cui i mercati del petrolio globali si sono ripresi rapidamente dagli attacchi agli impianti sauditi e potrebbero persino vedere un eccesso di offerta il prossimo anno, con la domanda globale che continua a rallentare.

Prospettive economiche difficili per il 2020 hanno spinto l'Iea a ridurre le stime sulla domanda globale di petrolio per il 2020 di 100.000 mila barili al giorno a 1,2 milioni di barili.


Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia