Italia markets open in 8 hours 12 minutes
  • Dow Jones

    31.535,51
    +603,14 (+1,95%)
     
  • Nasdaq

    13.588,83
    +396,48 (+3,01%)
     
  • Nikkei 225

    29.663,50
    +697,49 (+2,41%)
     
  • EUR/USD

    1,2050
    -0,0038 (-0,31%)
     
  • BTC-EUR

    41.202,78
    +3.416,06 (+9,04%)
     
  • CMC Crypto 200

    982,63
    +54,40 (+5,86%)
     
  • HANG SENG

    29.452,57
    +472,36 (+1,63%)
     
  • S&P 500

    3.901,82
    +90,67 (+2,38%)
     

Greggio a massimi di un anno su speranze crescita, tagli Opec+

·1 minuto per la lettura
Una pompa petrolifera a Scheibenhard, vicino Strasburgo, in Francia

LONDRA (Reuters) - I prezzi del petrolio toccano il livello più alto in un anno, sopra i 59 dollari al barile, sostenuti dalle speranze di una ripresa economica più rapida e di tagli all'offerta da parte dell'Opec e dei suoi alleati.

I nuovi ordini di beni prodotti negli Stati Uniti sono aumentati più del previsto a dicembre, indicando una continua forza della produzione. Il Congresso degli Stati Uniti, inoltre, sta portando avanti il piano di sostegno anti-pandemia del presidente Joe Biden.

Alle 10,55 circa, i futures sul Brent avanzano di 78 centesimi, o dell'1,33%, a 59,62 dollari, il massimo dal 20 febbraio 2020. Il greggio statunitense scambia in rialzo di 75 centesimi, o dell'1,33%, a 56,98 dollari, il massimo dal 22 gennaio 2020.

Il lancio dei vaccini contro il Covid-19 sta alimentando le speranze che i lockdown vengano allentati e le persone possano tornare a viaggiare, aumentando la domanda di carburante.

A sostenere ulteriormente i prezzi sono anche i tagli all'offerta da parte dei principali produttori. In una riunione di mercoledì, l'Opec e i suoi alleati hanno confermato la politica di restrizione dell'offerta. I tagli record dell'Opec+ hanno contribuito a sollevare i prezzi dai minimi storici lo scorso anno.

((Tradotto da Redazione Danzica, in redazione a Milano Maria Pia Quaglia, alice.schillaci@thomsonreuters.com, +48587696614))