Italia markets close in 1 hour 47 minutes
  • FTSE MIB

    22.141,72
    +134,32 (+0,61%)
     
  • Dow Jones

    30.109,02
    +139,50 (+0,47%)
     
  • Nasdaq

    12.404,76
    +27,57 (+0,22%)
     
  • Nikkei 225

    26.751,24
    -58,13 (-0,22%)
     
  • Petrolio

    45,82
    +0,18 (+0,39%)
     
  • BTC-EUR

    15.714,56
    -141,57 (-0,89%)
     
  • CMC Crypto 200

    375,19
    -4,05 (-1,07%)
     
  • Oro

    1.847,50
    +6,40 (+0,35%)
     
  • EUR/USD

    1,2173
    +0,0024 (+0,19%)
     
  • S&P 500

    3.684,05
    +17,33 (+0,47%)
     
  • HANG SENG

    26.835,92
    +107,42 (+0,40%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.522,72
    +5,62 (+0,16%)
     
  • EUR/GBP

    0,8995
    -0,0031 (-0,34%)
     
  • EUR/CHF

    1,0816
    -0,0004 (-0,04%)
     
  • EUR/CAD

    1,5592
    -0,0025 (-0,16%)
     

Greggio, prezzi estendono rally in attesa elezioni statunitensi

·2 minuto per la lettura
Una pompa per l'estrazione di petrolio greggio fotografata al tramonto nel bacino del Permiano
Una pompa per l'estrazione di petrolio greggio fotografata al tramonto nel bacino del Permiano

LONDRA (Reuters) - I prezzi del greggio estendono il rally oggi, durante l'Election Day negli Stati Uniti, sulla scia della ripresa dei mercati finanziari, anche se i timori sul crescente numero di casi di coronavirus hanno limitato i guadagni.

Intorno alle 10,25 italiane, i futures sul Brent avanzano di 98 centesimi, o del 2,5%, a 39,95 dollari il barile, mentre i futures sul greggio Usa guadagnano 1,10 dollari, o il 3%, a 37,9 dollari il barile.

Entrambi i contratti hanno guadagnato quasi il 3% ieri.

"Il balzo mostra tutti i segni di un'ingente, logica e inevitabile copertura delle vendite allo scoperto in vista delle elezioni presidenziali statunitensi", osserva Tamas Varga di PVM.

"Sarebbe allettante concludere che la ripresa dal calo della scorsa settimana è iniziata, ma in realtà non è uno scenario plausibile", aggiunge.

Gli indici di riferimento, in drastico ribasso settimana scorsa, hanno visto una lieve ripresa ieri, dopo che il ministro del petrolio russo ha discusso con le major petrolifere del Paese una possibile estensione delle restrizioni per la produzione di petrolio, fino al primo trimestre del 2021.

L'Opec+ ha tagliato a maggio la produzione di petrolio per sostenere i prezzi, riducendo il taglio a 7,7 milioni di barili al giorno ad agosto. A gennaio è prevista una riduzione del taglio della produzione a 2 milioni di barili al giorno.

"La speranza è ora che un costante taglio ai livelli attuali sarà necessario per superare la seconda ondata di Covid-19 fino alla distribuzione dei vaccini [nella prima metà del 2021]", secondo Commerzbank.

Per l'Opec+, l'aumento della produzione in Libia, che dovrebbe toccare 1 milione di barili al giorno nel corso delle prossime settimane, dai 100.000 barili al giorno visti a settembre, sarà un'altra questione da affrontare.

L'Opec+ terrà i prossimi incontri plenari il 30 novembre e l'1 dicembre.

(Tradotto da Redazione Danzica, in Redazione a Milano Cristina Carlevaro, enrico.sciacovelli@thomsonreuters.com,+4858775278)