Italia markets close in 1 hour 12 minutes
  • FTSE MIB

    25.755,79
    +19,04 (+0,07%)
     
  • Dow Jones

    34.245,84
    -53,49 (-0,16%)
     
  • Nasdaq

    14.127,12
    +54,26 (+0,39%)
     
  • Nikkei 225

    29.291,01
    -150,29 (-0,51%)
     
  • Petrolio

    72,37
    +0,25 (+0,35%)
     
  • BTC-EUR

    32.457,47
    -939,05 (-2,81%)
     
  • CMC Crypto 200

    975,10
    -17,37 (-1,75%)
     
  • Oro

    1.861,00
    +4,60 (+0,25%)
     
  • EUR/USD

    1,2129
    -0,0004 (-0,04%)
     
  • S&P 500

    4.246,20
    -0,39 (-0,01%)
     
  • HANG SENG

    28.436,84
    -201,69 (-0,70%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.150,58
    +7,06 (+0,17%)
     
  • EUR/GBP

    0,8593
    -0,0019 (-0,22%)
     
  • EUR/CHF

    1,0904
    +0,0012 (+0,11%)
     
  • EUR/CAD

    1,4771
    -0,0004 (-0,03%)
     

Greggio, prezzi in rialzo su possibile intoppo trattative con Iran

·2 minuto per la lettura
Una pompa petrolifera nel bacino del Permiano nella contea di Loving

LONDRA (Reuters) - Prezzi del greggio in crescita nonostante alcune complicazioni nelle trattative sull'accordo sul nucleare con l'Iran potrebbero portare a un aumento dell'offerta mondiale di petrolio. Gli analisti di Goldman Sachs, tuttavia, ritengono che i prezzi potrebbero rimanere alti anche in caso di aumento dell'export iraniano.

Alle 11,30 il Brent è in rialzo di 2,03% a quota 67,82 dollari a barile. I futures sul greggio Usa guadagnano l'1,98% a 64,84 dollari a barile.

I prezzi del greggio erano calati di quasi il 3% la scorsa settimana dopo che il presidente iraniano, Hassan Rouhani, aveva reso noto che gli Stati Uniti erano pronti a cancellare le sanzioni su alcuni settori del'economia del paese, come quello petrolifero, quello bancario e quello navale.

Tuttavia il portavoce del parlamento iraniano ha reso noto ieri che l'accordo di monitoraggio trimestrale tra l'Iran e l'agenzia Onu per il nucleare è scaduto, rendendo non più possibile l'accesso a immagini dall'interno di alcune centrali nucleari del paese.

I diplomatici europei hanno spiegato la scorsa settimana che un mancato rinnovo dell'accordo di monitoraggio potrebbe ostacolare le più ampie trattative indirette tra Washington e Teheran per il rilancio dell'accordo del 2015 sul nucleare iraniano. Le trattative riprenderanno questa settimana a Vienna.

L'ex presidente Donald Trump aveva portato gli Usa fuori dall'accordo nel 2018, imponendo nuovamente le sanzioni.

Ma anche con il ritorno delle esportazioni dall'Iran, una crescita dei prezzi rimane comunque possibile secondo gli analisti di Goldman Sachs, grazie a un aumento della domanda alimentato dalle vaccinazioni.

Anche ipotizzando una ripresa dell'export iraniano a luglio, "stimiamo che i prezzi del Brent toccheranno comunque gli 80 dollari a barile nel quarto trimestre del 2021, mentre nel caso base di un ritorno a ottobre, rimarremmo con la nostra previsione di prezzi sugli 80 dollari a barile per questa estate" si legge in un report della banca.

(Tradotto da Luca Fratangelo in redazione a Danzica, in redazione a Milano Gianluca Semeraro, luca.fratangelo@thomsonreuters.com, +48587696613)