Italia Markets close in 2 hrs 28 mins

Greggio in rialzo, dati commercio Cina bilanciano timori offerta

di Ahmad Ghaddar
·1 minuto per la lettura
Una pompa di petrolio greggio al tramonto nel bacino del Permiano
Una pompa di petrolio greggio al tramonto nel bacino del Permiano

di Ahmad Ghaddar

LONDRA (Reuters) - I prezzi del greggio recuperano terreno grazie al supporto dei solidi dati sul commercio cinese, sebbene continuino a pesare i timori per il calo della domanda e la ripresa dell'offerta in Norvegia, Golfo del Messico e Libia.

Intorno alle 11,40, i futures sul greggio Brent avanzano di 75 centesimi, ovvero l'1,80%, a 42,47 dollari al barile. Il greggio Usa guadagna 76 centesimi, o l'1,93%, a 40,19 dollari al barile.

L'Agenzia internazionale per l'energia, advisor dei Paesi occidentali in materia di politica energetica, ha detto all'annuale World Energy Outlook che, nello scenario di base, un vaccino e una terapia potrebbero significare che l'economia globale si riprenderà nel 2021 e la domanda di energia entro il 2023.

Ma in uno "scenario di ritardo nella ripresa", i tempi si allungano di due anni, ha aggiunto.

Le misure di confinamento sono state rafforzate in Gran Bretagna e Repubblica Ceca per contrastare l'aumento dei casi di Covid-19, e il primo ministro francese Jean Castex ha comunicato di non poter escludere lockdown totali.

I prezzi del petrolio stanno ricevendo pressioni anche sul fronte dell'offerta.

I lavoratori sono tornati alle piattaforme statunitensi del Golfo del Messico dopo l'uragano Delta e quelli norvegesi agli impianti offshore dopo aver concluso uno sciopero, mentre domenica la Libia, membro dell'Opec, ha revocato lo stato di force majeure nel giacimento petrolifero di Sharara.