Italia markets closed
  • Dow Jones

    27.544,58
    -140,80 (-0,51%)
     
  • Nasdaq

    11.419,68
    +60,74 (+0,53%)
     
  • Nikkei 225

    23.485,80
    -8,54 (-0,04%)
     
  • EUR/USD

    1,1832
    +0,0018 (+0,15%)
     
  • BTC-EUR

    11.498,44
    +399,09 (+3,60%)
     
  • CMC Crypto 200

    269,70
    +8,41 (+3,22%)
     
  • HANG SENG

    24.787,19
    -131,59 (-0,53%)
     
  • S&P 500

    3.397,78
    -3,19 (-0,09%)
     

Greggio rimbalza su aggiornamenti salute Trump, scioperi Norvegia

·1 minuto per la lettura
Il presidente Usa Donald Trump a Bethesda, nel Maryland, 4 ottobre 2020
Il presidente Usa Donald Trump a Bethesda, nel Maryland, 4 ottobre 2020

LONDRA (Reuters) - I prezzi del greggio viaggiano in territorio positivo sostenuti dai commenti dei medici di Donald Trump secondo cui il presidente Usa potrebbe essere dimesso dall'ospedale in giornata, a solo pochi giorni da quando è risultato positivo al coronavirus scatenando un allarme diffuso.

Intorno alle 11,20, i futures sul Brent scambiano in rialzo di 98 centesimi, ovvero del 2,5%, a 40,25 dollari al barile. Il greggio Usa (Wti) avanza di 1,03 dollari, ovvero il 2,78%, a 38,08 dollari al barile.

Venerdì i prezzi sono crollati di oltre il 4% dopo la diagnosi di Trump. Tuttavia il presidente ha fatto una rapida comparsa ieri uscendo dall'ospedale militare a bordo di un'auto blindata per salutare i fan, contribuendo a rafforzare il sentiment sui mercati.

Secondo alcuni medici il capo della Casa Bianca potrebbe essere dimesso dall'ospedale in giornata.

Contribuisce a sostenere i prezzi del petrolio anche l'intensificarsi degli scioperi dei lavoratori in Norvegia.

Due altri campi gestiti da Neptune Energy e Wintershall Dea dovranno fare i conti con una probabile chiusura a causa dello sciopero, secondo quanto riferito dalla Norwegian Oil and Gas Association (Nog).

Nel frattempo, i recenti rialzi dei prezzi hanno spinto alcuni produttori statunitensi a riprendere le perforazioni. Il numero delle piattaforme di petrolio e gas naturale delle società energetiche statunitensi è aumentato per la terza settimana consecutiva per la prima volta da ottobre 2018, come messo in luce venerdì dai dati di Baker Hughes.