Italia markets closed
  • Dow Jones

    35.653,17
    -66,26 (-0,19%)
     
  • Nasdaq

    15.751,93
    +65,01 (+0,41%)
     
  • Nikkei 225

    28.860,62
    +405,02 (+1,42%)
     
  • EUR/USD

    1,1351
    +0,0078 (+0,69%)
     
  • BTC-EUR

    44.437,04
    -864,62 (-1,91%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.315,15
    +10,03 (+0,77%)
     
  • HANG SENG

    23.996,87
    +13,21 (+0,06%)
     
  • S&P 500

    4.690,00
    +3,25 (+0,07%)
     

Greggio sale su approvazione spesa infrastrutture Usa, aumento export Cina

·2 minuto per la lettura
Diverse pompe petrolifere presso il campo petrolifero di Kern River a Bakersfield, in California

LONDRA (Reuters) - I prezzi del petrolio sono in rialzo su segnali positivi di una crescita economica sostenuta dalle previsioni relative alla domanda di energia, mentre l'azienda di proprietà dello stato saudita Aramco ha aumentato il prezzo di vendita ufficiale del greggio prodotto.

Alle 11,40 i futures sul Brent avanzano di 96 centesimi, o l'1,2%, a 83,68 dollari al barile dopo aver archiviato la scorsa settimana a circa +2%. I futures sul greggio Usa guadagnano 1,14 dollari, o l'1,42%, a 82,41, dopo una flessione di quasi il 3% la scorsa settimana.

Il presidente Usa Joe Biden ha accolto positivamente il passaggio al Congresso di un disegno di legge per la spesa infrastrutturale a lungo rimandato del valore di 1.000 miliardi di dollari, che potrebbe incrementare la domanda di carburante.

A ottobre le esportazioni sono rallentate in Cina ma hanno superato le previsioni grazie a un aumento della domanda globale in vista della stagione natalizia e al miglioramento della situazione sulle catene di approvvigionamento colpite dalla pandemia di coronavirus.

Nella tarda giornata di venerdì l'Arabia Saudita ha incrementato il prezzo del benchmark del greggio per i clienti dell'Asia per il mese di dicembre, superando le attese di mercato.

La domanda di carboturbo sembrerebbe in procinto di prendere il volo con i governi che stanno allentando le restrizioni sui viaggi aerei.

A dare ulteriore sostegno ai prezzi è anche la decisione presa la scorsa settimana dall'Opec e dagli alleati come la Russia, che insieme formano l'Opec+, di non accelerare l'aumento della produzione in programma.

In Cina le importazioni di petrolio sono crollate ai minimi di tre anni, con le raffinerie di proprietà dello Stato che hanno ridotto gli acquisti a causa dell'aumento dei prezzi, mentre quelle indipendenti sono state colpite dalle limitazioni sulle importazioni del greggio.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli