Italia markets open in 4 hours 57 minutes
  • Dow Jones

    35.490,69
    -266,19 (-0,74%)
     
  • Nasdaq

    15.235,84
    +0,12 (+0,00%)
     
  • Nikkei 225

    28.839,18
    -259,06 (-0,89%)
     
  • EUR/USD

    1,1608
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • BTC-EUR

    50.704,53
    -1.862,30 (-3,54%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.410,22
    -64,11 (-4,35%)
     
  • HANG SENG

    25.627,70
    -1,04 (-0,00%)
     
  • S&P 500

    4.551,68
    -23,11 (-0,51%)
     

Greggio verso terza settimana in rialzo su difficoltà produzione

·2 minuto per la lettura
Operazioni di trivellazione di gas naturale e petrolio nel Bacino Permian nella Contea di Lea, in New Mexico

LONDRA (Reuters) - I prezzi del greggio si stabilizzano vicino ai massimi di due mesi di 77,50 dollari il barile, indirizzati verso la terza settimana consecutiva in rialzo, sostenuti dai problemi alla produzione globale e dal calo delle scorte.

Il rally è stato leggermente penalizzato dalla prima vendita pubblica delle riserve statali di greggio della Cina.

Intorno alle ore 10,30 italiane, i futures sul Brent avanzano di 19 centesimi, o dello 0,25%, a 77,44 dollari il barile, ai livelli più alti dal 6 luglio e vicino ai massimi da ottobre 2018.

I futures sul greggio Usa salgono di 3 centesimi, o dello 0,07%, a 73,34 dollari il barile, dopo aver guadagnato l'1,5% nella sessione precedente, ai massimi dall'inizio di agosto.

Nelle ultime settimane i prezzi del greggio sono stati sostenuti dalle interruzioni di produzione sulla Costa del Golfo statunitense a causa dell'uragano Ida e altre tempeste, che in alcuni casi potrebbero durare mesi e che hanno innescato un maggior uso delle scorte statunitensi e globali.

Le raffinerie petrolifere statunitensi in cerca di alternative al greggio del Golfo hanno acquistato petrolio dall'Iraq e dal Canada, secondo analisti e investitori.

Alcuni membri dell'Opec+ hanno anche avuto difficoltà ad aumentare la produzione a causa di bassi investimenti o rinvii di lavori di manutenzione durante la pandemia iniziata nel 2020.

I prezzi del Brent potrebbero raggiungere gli 80 dollari il barile entro fine settembre a causa del calo delle scorte, la minore produzione Opec e una maggiore domanda in Medio Oriente, secondo una nota di Ubs.

PetroChina e Hengli Petrochemical hanno acquistato quattro cargo per un totale di circa 4,43 milioni di barili, secondo fonti a diretta conoscenza della situazione.

(Tradotto a Danzica da Enrico Sciacovelli, in Redazione a Milano Sabina Suzzi, enrico.sciacovelli@thomsonreuters.com, +48587696613)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli