Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.621,72
    -63,95 (-0,26%)
     
  • Dow Jones

    34.429,88
    +34,87 (+0,10%)
     
  • Nasdaq

    11.461,50
    -20,95 (-0,18%)
     
  • Nikkei 225

    27.777,90
    -448,18 (-1,59%)
     
  • Petrolio

    80,34
    -0,88 (-1,08%)
     
  • BTC-EUR

    16.191,15
    -23,00 (-0,14%)
     
  • CMC Crypto 200

    404,33
    +2,91 (+0,72%)
     
  • Oro

    1.797,30
    -3,80 (-0,21%)
     
  • EUR/USD

    1,0531
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • S&P 500

    4.071,70
    -4,87 (-0,12%)
     
  • HANG SENG

    18.675,35
    -61,09 (-0,33%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.977,90
    -6,60 (-0,17%)
     
  • EUR/GBP

    0,8573
    -0,0012 (-0,13%)
     
  • EUR/CHF

    0,9867
    +0,0006 (+0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,4186
    +0,0060 (+0,43%)
     

Griffe per quindicenni? La nuova generazione si concede il lusso - Bain

I clienti con indosso delle mascherine a causa della epidemia di Covid-19 davanti a un negozio del marchio di lusso francese Louis Vuitton, a Pechino

PARIGI/MILANO (Reuters) - Gli acquirenti del lusso stanno diventando sempre più giovani e le nuove generazioni - già a partire dai 15 anni - saranno il motore della crescita del settore nei prossimi anni.

È quanto emerge dal monitor periodico sul mercato globale del lusso realizzato da Bain per Altagamma.

Il settore si è mostrato particolarmente resiliente nonostante le misure anti-Covid in Cina, la guerra in Ucraina, l'inflazione galoppante e i timori di recessione, portando il 2022 a cifre record: l'industria globale dell'alto di gamma è vista crescere del 21% a 1.400 miliardi di euro di fatturato e il solo comparto dei beni personali di lusso toccherà quest'anno 353 miliardi (+22%, +15% a cambi costanti, sulla parte alta delle stime precedenti). La spinta arriva dalla voglia di shopping repressa e dai risparmi accumulati negli anni di pandemia.

Anche l'appetito dei consumatori della Generazione Z per i beni "aspirazionali", come i cappelli da pescatore da 300 dollari o le sneaker da 900 dollari, non è venuto meno.

Generalmente i consumatori più giovani della Gen Z, ovvero quelli nati tra il 1996 e il 2012, nonché i cosiddetti Millennial nati negli anni '80 e nei primi anni '90 hanno iniziato ad acquistare beni di lusso tra i 18 e i 20 anni. I loro eredi della generazione Alpha, nati dal 2010, inizieranno ad acquistare prodotti di alta gamma ancora prima, all'età di 15 anni, secondo Bain.

"Sono stati esposti prima a questo tipo di marchi grazie alle tecnologie digitali e ai social media, che li hanno resi osservatori del lusso molto informati fin da bambini", ha detto Federica Levato, partner di Bain.

Negli ultimi anni le firme più prestigiose, tra cui megabrand come Louis Vuitton di Lvmh e Gucci di Kering, hanno coltivato l'attenzione dei giovani adulti e dei ventenni, come dimostra l'ondata di streetwear e di stili 'gender-bending' che ha caratterizzato le sfilate.

Molti stanno abbracciando il metaverso, come Balenciaga e Dior, per attrarre l'interesse degli adolescenti e dei giovani adulti, proponendo modi accessibili per vestire le identità virtuali sulle piattaforme di gaming. Quando queste giovani generazioni entreranno nella forza lavoro, avranno ancora più liquidità per i prodotti di lusso, ha detto Levato.

Grazie alla spinta demografica, che comprende anche il previsto allargamento della classe media in Paesi chiave dell'Asia, dalla Cina all'India alla Corea, il mercato dei beni di lusso personale potrebbe arrivare nel 2030 a 540-580 miliardi, in crescita del 60% sul 2022.

(Claudia Cristoferi, editing Sabina Suzzi)