Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.429,41
    -147,10 (-0,60%)
     
  • Dow Jones

    33.800,60
    +297,03 (+0,89%)
     
  • Nasdaq

    13.900,19
    +70,88 (+0,51%)
     
  • Nikkei 225

    29.768,06
    +59,08 (+0,20%)
     
  • Petrolio

    59,34
    -0,26 (-0,44%)
     
  • BTC-EUR

    50.283,77
    -829,93 (-1,62%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.235,89
    +8,34 (+0,68%)
     
  • Oro

    1.744,10
    -14,10 (-0,80%)
     
  • EUR/USD

    1,1905
    -0,0016 (-0,13%)
     
  • S&P 500

    4.128,80
    +31,63 (+0,77%)
     
  • HANG SENG

    28.698,80
    -309,27 (-1,07%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.978,84
    +1,01 (+0,03%)
     
  • EUR/GBP

    0,8682
    +0,0008 (+0,09%)
     
  • EUR/CHF

    1,0997
    -0,0015 (-0,14%)
     
  • EUR/CAD

    1,4909
    -0,0055 (-0,36%)
     

Hera, ricavi 2020 +2,4% con operazione Ascopiave, cedola +10% a 11 cent

·1 minuto per la lettura

MILANO (Reuters) - Il gruppo Hera chiude il 2020 con ricavi a 7.079 milioni di euro, in crescita del 2,4%, grazie soprattutto alle attività nel settore energia e per la variazione di perimetro dovuta all'operazione straordinaria con Ascopiave che ha portato alla creazione del principale operatore energy del Nord-Est.

Il Mol è stato pari a 1,123 miliardi (+3,5%) e l'utile netto di pertinenza degli azionisti si attesta a 302,7 milioni.

Il risultato netto è in crescita dello 0,6% su quello del 2019, pari a 300,8 milioni, se calcolato al netto degli effetti non ricorrenti del 2019, spiega una nota del gruppo.

Il dividendo è in crescita del 10% a 11 centesimi di euro per azione.

"L'esercizio si chiude positivamente, nonostante gli impatti dell'emergenza coronavirus per il Paese che ha visto la multiutility al fianco dei propri stakeholder con azioni di sostegno, grazie a una strategia multibusiness solida, efficiente e sostenibile", sottolinea la società.

La posizione finanziaria netta si attesta a 3.227 milioni, in miglioramento rispetto ai 3.274,2 milioni del 2019, con una riduzione dell'indebitamento finanziario di 47,2 milioni di euro.

(Giancarlo Navach, in redazione a Milano Gianluca Semeraro)