Italia Markets open in 3 hrs 39 mins

Il downgrade Intel Pesa sui Principali Indici, Bullard della Fed Appoggia Trump per i Dazi

James Hyerczyk
“La nostra posizione è che gli altri paesi sono tutti di libero scambio e gli Stati Uniti no. Se questo fosse davvero ciò che stiamo dicendo, basta eliminare tutti i dazi e tutte le barriere non chiare. Sarebbe un risultato migliore per il mondo intero “, ha dichiarato James Bullard, Presidente della Federal Reserve Bank di St. Louis.

Dopo un commercio pre-mercato bilaterale, i titoli statunitensi hanno registrato un lieve calo nel mercato del contante, poiché la debolezza delle azioni di Intel ha sollevato preoccupazioni per il settore tecnologico.

Intel ha perso oltre l’1% in apertura dopo che Barclays ha declassato la società a parità di sovrappeso, citando la crescente concorrenza del produttore di chip Advanced Micro Devices. Il downgrade arriva quasi due settimane dopo che la compagnia ha riportato utili superiori alle attese.

La mossa di Intel è significativa perché il titolo fa parte di tutti e tre gli indici principali: Dow, S&P 500 Index e NASDAQ Composite Index. Il mercato azionario generale potrebbe scuotere le acque oggi se le quote di Intel continuassero ad indebolirsi.

Lunedì, in assenza di nuovi dati economici, gli investitori si concentreranno principalmente sui guadagni mentre si chiude il secondo trimestre. Tra coloro che hanno riferito, Cardinal Health e Tyson Foods hanno riportato risultati migliori del previsto. Berkshire Hathaway di Warren Buffet ha pubblicato venerdì un utile trimestrale più forte del previsto, spingendo in rialzo le sue azioni di Classe B del 2,6%.

Secondo FactSet, questa stagione di guadagni è stata più forte di quanto previsto dagli analisti. Tra le società del S&P 500 che avevano annunciato fino a venerdì, l’80% ha ottenuto utili superiori alle attese. Inoltre, i guadagni del secondo trimestre sono cresciuti del 24%, superando le aspettative pre-stagionali del 20% di crescita.

La Fed Considera i Dazi

Fino a lunedì la Fed non ha tenuto conto dell’impatto dei dazi sull’economia.

A luglio, il presidente della Federal Reserve, Jerome Powell, ha toccato l’argomento solo quando ha tenuto un discorso di fronte al Congresso. A quel tempo, quando gli è stato chiesto durante la testimonianza del Senato gli impatti dei dazi sulla crescita, il capo della banca centrale non ha affrontato direttamente le politiche che hanno portato a preoccuparsi di una fiorente guerra commerciale globale.

Tuttavia, ha parlato in termini generali e ha detto che la prognosi del protezionismo non è generalmente una buona notizia.

“In generale, i paesi che sono rimasti aperti al commercio, che non hanno eretto barriere compresi i dazi, sono cresciuti più velocemente, hanno redditi più alti, maggiore produttività”, ha detto Powell. “I paesi che sono andati in una direzione più protezionistica hanno fatto peggio. Penso che sia il risultato empirico. ”

Alla riunione di politica monetaria del Federal Open Market Committee della settimana scorsa, i politici non hanno nemmeno affrontato l’argomento.

Lunedì, il presidente della Banca della Federal Reserve di St. Louis, James Bullard, ha detto alla CNBC la sua opinione sui dazi e sembra molto vicino a ciò che l’amministrazione Trump ha predicato.

Bullard ha detto che i paesi che promuovono il libero commercio in risposta alle minacce di guerra commerciale degli Stati Uniti dovrebbero rinunciare a tutti i propri dazi, ma non lo faranno.

“La nostra posizione è che gli altri paesi sono tutti di libero scambio e gli Stati Uniti no. Se questo fosse davvero ciò che stiamo dicendo, basta eliminare tutti i dazi e tutte le barriere non chiare. Sarebbe un risultato migliore per il mondo intero “, ha dichiarato James Bullard, Presidente della Federal Reserve Bank di St. Louis.

Questo mi sembra un piano e forse metterebbe fine a tutti i commenti negativi sul piano di Trump per livellare il campo di gioco e rendere il commercio equo su tutta la linea. Quindi immagino che gli Stati Uniti non siano il “bullo cattivo” dopotutto. Devo fare i complimenti a Bullard per i suoi commenti. Erano molto più simpatici che dire alla Cina, all’Unione Europea e al Canada, “smettetela di lamentarvi”.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: