Italia Markets closed

Il nuovo livello raggiunto nei negoziati commerciali rimane l’influenza più positiva sui mercati azionari statunitensi

James Hyerczyk
Gli indici principali inizialmente sono rimbalzati oltre l’1 percento su segnali di un tono più pacato nelle relazioni commerciali tra Cina e Stati Uniti. Gli investitori stavano reagendo a un rapporto di Bloomberg News che diceva che la Cina si sta muovendo verso il taglio dei dazi sulle auto prodotte negli Stati Uniti al 15 percento dall’attuale 40 percento. Il rapporto ha continuato dicendo che la proposta è stata presentata al governo cinese e sarà esaminata nei prossimi giorni.

Mercoledì i principali mercati azionari asiatici sono negoziati in rialzo, seguendo il tono fissato dalle controparti statunitensi martedì. Inoltre, gli investitori stanno anche reagendo alle notizie che la Cina sta pianificando di ridurre i dazi sulle auto prodotte negli Stati Uniti al 15 percento dall’attuale 40 percento. Questo potrebbe effettivamente rappresentare un ammorbidimento nel suo tono nei confronti delle relazioni commerciali tra Cina e Stati Uniti.

Alle 05:04 GMT, l’indice Nikkei 225 in Giappone è negoziato a 21579,49, in rialzo del 431,47 o del +2,04%. Il rally è stato alimentato da ottime prestazioni delle case automobilistiche giapponesi, tra cui Yamaha Motor, Mitsubishi Motor, Toyota e Nissan.

Anche il Kospi della Corea del Sud è in crescita, negoziato a 2076,32, in rialzo del 23,35 o dell’1,14 per cento. L’indice è sostenuto da un aumento di quasi il 9 percento in Hyundai Motor e un salto del 4,6 percento in azioni di Kia Motors.

I mercati azionari della Grande Cina si stanno muovendo in rialzo con il trading di Shenzhen Composite al 1348,03, in rialzo dello 0,37% e lo Shanghai Composite a 2599,16, in rialzo di 5,08 o +0,20%.

In altre notizie, gli ordini preliminari di macchine utensili del Giappone sono diminuiti del 16,8%, ma il rapporto precedente è stato rivisto con un tasso annuale del -0,7%. Gli ordini di macchinari core sono aumentati del 7,6%, ma inferiori alla previsione del 10,2%. È stato anche un netto miglioramento rispetto al precedente -18,3%. L’indice giapponese dei prezzi alla produzione è arrivato al 2,3%, leggermente inferiore alla stima del 2,4%. L’attività nel settore terziario è aumentata dell’1,9% percento, superando la previsione dello 0,9%. Il precedente rapporto mostrava un ribasso dell’1,2%.

In Cina, M2 Money Supply era dell’8,0% come previsto. In rialzo anche i nuovi prestiti a 1250 miliardi dai 1200.

Mercati azionari statunitensi

Martedì, i principali indici azionari statunitensi hanno chiuso misti, con la chiusura del Dow Jones Industrial Average in ribasso, mentre l’indice S&P 500 e il NASDAQ Composite hanno registrato guadagni moderati. La volatilità è stata il tema di ieri con tutti i principali indici che hanno registrato forti oscillazioni di prezzo durante la sessione.

Nel mercato finanziario, l’indice di riferimento S&P 500 si è attestato a 2636,78, in rialzo di 3,70 o dello 0,14%. Il benchmark Dow Jones Industrial Average ha chiuso a 24370,24, in ribasso del 18,71 o -0,08% e il NASDAQ Composite basato sulla tecnologia ha chiuso a 7031,83, in rialzo dell’11,31 o dello 0,16%.

Notizie sulle controversie commerciali per lo più rialziste

Gli indici principali inizialmente sono rimbalzati oltre l’1 percento su segnali di un tono più pacato nelle relazioni commerciali tra Cina e Stati Uniti. Gli investitori stavano reagendo a un rapporto di Bloomberg News che diceva che la Cina si sta muovendo verso il taglio dei dazi sulle auto prodotte negli Stati Uniti al 15 percento dall’attuale 40 percento. Il rapporto ha continuato dicendo che la proposta è stata presentata al governo cinese e sarà esaminata nei prossimi giorni.

Mentre gli investitori hanno reagito immediatamente al rapporto, i funzionari degli Stati Uniti erano un po’ più lenti. Reuters ha riferito che gli Stati Uniti erano a conoscenza del fatto che la Cina avrebbe potuto diminuire i dazi, ma si è astenuta dal fare commenti con funzionari che affermavano che gli Stati Uniti avrebbero atteso documentazione e tempistiche formali.

Il presidente Trump non ha voluto aspettare una conferma dei dettagli. Ha twittato che l’amministrazione stava avendo “conversazioni molto produttive con la Cina”, aggiungendo: “Aspettatevi alcuni annunci importanti”.

Martedì, c’è stato un altro sviluppo positivo sulle relazioni commerciali tra Cina e Stati Uniti. Secondo un rapporto, il vicepremier cinese Liu avrebbe riferito di aver discusso con il ministro del Tesoro degli Stati Uniti Steven Mnuchin e con il rappresentante commerciale Robert Lighthizer, con l’obiettivo di alleviare la guerra commerciale mondiale.

Sul versante negativo, il Washington Post ha riferito che gli Stati Uniti condanneranno la Cina per l’hacking e lo spionaggio economico, potenzialmente rianimando ancora una volta le tensioni tra i due paesi. Tuttavia, tieni presente che questa non è una novità. La storia era stata messa in onda dallo scorso venerdì.

Gli orsi prendono il sopravvento mentre il presidente e idemocratici rimangono divisi

. Le azioni si sono mosse in ribasso ai loro minimi del giorno a metà sessione, dopo un acceso scambio tra il presidente Trump e la leadership democratica sulla sicurezza delle frontiere. Durante la lotta controversa, Trump ha minacciato di bloccare il governo se non fosse stato stanziato più denaro per costruire un muro lungo il confine tra Stati Uniti e Messico.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: