Italia markets open in 7 hours 24 minutes
  • Dow Jones

    28.308,79
    +113,37 (+0,40%)
     
  • Nasdaq

    11.516,49
    +37,61 (+0,33%)
     
  • Nikkei 225

    23.567,04
    -104,09 (-0,44%)
     
  • EUR/USD

    1,1832
    +0,0003 (+0,02%)
     
  • BTC-EUR

    10.083,21
    +687,74 (+7,32%)
     
  • CMC Crypto 200

    239,54
    +0,62 (+0,26%)
     
  • HANG SENG

    24.569,54
    +27,28 (+0,11%)
     
  • S&P 500

    3.443,12
    +16,20 (+0,47%)
     

Il petrolio guadagna terreno mentre le scorte di greggio continuano a diminuire

Vladimir Zernov
·2 minuti per la lettura

Video petrolio greggio 30.09.20.

Le scorte di greggio sono diminuite di 2 milioni di barili

Ieri, il rapporto API Crude Oil Stock Change ha mostrato che le scorte di greggio sono diminuite di 831.000 barili.

Oggi, l’EIA Weekly Petroleum Status Report ha confermato la tendenza al ribasso delle scorte, indicando che le scorte di greggio sono diminuite di 2 milioni di barili.

Non sorprende che questo sviluppo abbia fornito un sostegno sostanziale ai prezzi del petrolio che si sono recentemente trovati sotto pressione per i timori sul ritmo della ripresa della domanda di petrolio.

Secondo l’EIA, le scorte di greggio sono circa il 13% superiori alla media quinquennale per questo periodo dell’anno, quindi c’è ancora molto lavoro da fare per riportare le scorte a livelli confortevoli. Quando ciò accadrà, i prezzi del petrolio avranno molto più spazio per il rialzo.

Le importazioni di petrolio greggio sono rimaste pressoché invariate rispetto ai livelli osservati nella settimana precedente, quindi non hanno avuto alcun impatto materiale sulle scorte di greggio.

Le scorte di benzina sono aumentate di 0,7 milioni di barili mentre le scorte di combustibili distillati sono diminuite di 3,2 milioni di barili.

In generale, il quadro dell’inventario rimane rialzista per il petrolio. Le scorte continuano a diminuire, il che dimostra che non ci sono ulteriori problemi con la domanda di petrolio.

Detto questo, la potenziale seconda ondata di coronavirus rimarrà probabilmente una delle principali fonti di preoccupazione per i commercianti di petrolio durante la stagione influenzale, quindi il petrolio potrebbe aver bisogno di ulteriori catalizzatori per tornare ai massimi di agosto.

La produzione nazionale di petrolio negli Stati Uniti rimane stabile a 10,7 milioni di barili al giorno

Questo lunedì abbiamo discusso del recente rimbalzo del numero di trivellazioni petrolifere statunitensi che è passato da 179 a 183.

Per ora, il rimbalzo del numero di impianti di perforazione non ha avuto alcun impatto sulla produzione petrolifera interna degli Stati Uniti. L’EIA ha riferito che la produzione interna di petrolio degli Stati Uniti è rimasta invariata a 10,7 milioni di barili al giorno (bpd) poiché l’industria è rimasta sotto una certa pressione dopo gli uragani.

Resta da vedere se la produzione petrolifera statunitense sarà in grado di tornare rapidamente sopra gli 11 milioni di barili al giorno poiché settembre è stato un mese impegnativo per il mercato petrolifero e alcuni produttori potrebbero aver deciso di attendere maggiore chiarezza sui prezzi futuri prima di aumentare la produzione.

Se la produzione statunitense riprenderà ad aumentare, il mercato petrolifero sarà messo a dura prova poiché le scorte potrebbero invertire il loro recente declino e ricominciare a salire.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: