Italia markets open in 2 hours 44 minutes
  • Dow Jones

    28.210,82
    -97,97 (-0,35%)
     
  • Nasdaq

    11.484,69
    -31,80 (-0,28%)
     
  • Nikkei 225

    23.446,55
    -192,91 (-0,82%)
     
  • EUR/USD

    1,1848
    -0,0018 (-0,15%)
     
  • BTC-EUR

    10.780,62
    +1.451,22 (+15,56%)
     
  • CMC Crypto 200

    256,00
    +11,11 (+4,54%)
     
  • HANG SENG

    24.699,11
    -55,31 (-0,22%)
     
  • S&P 500

    3.435,56
    -7,56 (-0,22%)
     

Il petrolio guadagna terreno mentre l’Arabia Saudita spinge per il pieno rispetto dell’accordo OPEC+

Vladimir Zernov
·3 minuti per la lettura

Video petrolio greggio 18.09.20.

L’Arabia Saudita mette sotto pressione i ritardatari

Il petrolio WTI continua a salire dopo la riunione OPEC + che si è svolta giovedì. L’OPEC + doveva discutere le prestazioni dei paesi che non hanno rispettato l’accordo sul taglio della produzione. I principali ritardatari sono Iraq, Nigeria ed Emirati Arabi Uniti.

Il petrolio ha avuto un ulteriore impulso dopo che l’Arabia Saudita ha esercitato pressioni significative sui ritardatari e ha dato loro tempo fino a dicembre per compensare la loro precedente sovrapproduzione.

È interessante notare che l’Arabia Saudita ha messo in guardia i commercianti contro la speculazione sul mercato del petrolio e ha promesso di rendere il mercato imprevedibile per danneggiare gli speculatori. Molto probabilmente, l’Arabia Saudita non è soddisfatta della recente svendita che attribuisce all’attività speculativa.

Secondo quanto riferito, il ministro dell’Energia dell’Arabia Saudita ha dichiarato che l’OPEC + era pronta a tenere una riunione straordinaria in ottobre se la domanda di petrolio fosse stata più debole del previsto. Queste parole sono state interpretate come la disponibilità dell’Arabia Saudita a effettuare ulteriori tagli alla produzione di petrolio nel caso in cui i prezzi del petrolio scendessero ben al di sotto del livello di $ 40.

Sebbene l’Arabia Saudita sia riuscita a fornire un forte sostegno verbale al mercato petrolifero, resta da vedere se i membri dell’OPEC + sono pronti per ulteriori tagli alla produzione di petrolio in un momento in cui i loro bilanci sono sotto pressione significativa.

La Russia ritiene che la domanda di petrolio tornerà alla normalità nel secondo trimestre del 2021

Anche la Russia ha deciso di offrire supporto verbale al mercato e il suo ministro dell’Energia Alexander Novak ha dichiarato che la domanda di petrolio dovrebbe riprendersi completamente nel secondo trimestre del 2021.

Si tratta di una previsione ottimistica vista l’attuale situazione sul fronte del coronavirus. Israele è appena entrato in un secondo blocco mentre i paesi europei stanno introducendo nuove misure di contenimento dei virus.

I recenti rapporti dell’OPEC e dell’AIE hanno anche notato un rallentamento nella ripresa della domanda di petrolio.

In questa luce, le previsioni di ripresa della domanda di petrolio della Russia sembrano un modo per sostenere il mercato piuttosto che una previsione vera.

La domanda di petrolio non può tornare alla normalità senza una normalizzazione della domanda di viaggio, impossibile prima che il mondo riceva un vaccino COVID-19 e inizino le vaccinazioni di massa.

Sebbene diversi vaccini possano essere pronti entro la fine di quest’anno, la loro produzione di massa richiederà tempo. Anche le vaccinazioni di massa non sono un processo facile. In questa luce, un pieno ritorno alla normalità nel secondo trimestre del 2021 sembra una previsione molto ottimistica.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: