Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.938,52
    -66,88 (-0,26%)
     
  • Dow Jones

    34.580,08
    -59,71 (-0,17%)
     
  • Nasdaq

    15.085,47
    -295,85 (-1,92%)
     
  • Nikkei 225

    28.029,57
    +276,20 (+1,00%)
     
  • Petrolio

    66,22
    -0,28 (-0,42%)
     
  • BTC-EUR

    43.439,06
    -4.324,89 (-9,05%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.367,14
    -74,62 (-5,18%)
     
  • Oro

    1.782,10
    +21,40 (+1,22%)
     
  • EUR/USD

    1,1317
    +0,0012 (+0,10%)
     
  • S&P 500

    4.538,43
    -38,67 (-0,84%)
     
  • HANG SENG

    23.766,69
    -22,24 (-0,09%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.080,15
    -27,87 (-0,68%)
     
  • EUR/GBP

    0,8550
    +0,0056 (+0,66%)
     
  • EUR/CHF

    1,0378
    -0,0019 (-0,18%)
     
  • EUR/CAD

    1,4528
    +0,0056 (+0,39%)
     

In 15 anni un milione di minori in povertà assoluta in più in Italia: l'allarme

·2 minuto per la lettura

In 15 anni in Italia i minori in povertà assoluta sono aumentati di un milione di unità. Ad acuire questa situazione, oltre alla scarsità di investimenti nell'istruzione, nei servizi alla prima infanzia e nel tempo libero da parte delle istituzioni, ha contribuito anche l'arrivo della pandemia di Covid-19. Il lockdown che ne è derivato, infatti, ha ulteriormente aggravato la crisi educativa e le diseguaglianze economiche, sociali e geografiche in cui vivono i più piccoli. 

È quanto emerge della XII edizione dell'Atlante dell'infanzia a rischio in Italia 2021 "Il futuro è già qui" di Save The Children, che denuncia così un "rischio di estinzione" per l'infanzia nel Belpaese e chiede "un urgente un cambio di rotta a partire dal Pnrr".

L'unico freno fino ad oggi posto alla crescita della povertà assoluta tra i giovanissimi, sottolinea l'organizzazione, è stata l'entrata in vigore del reddito di cittadinanza nel 2019 (su una platea di 3 milioni di individui beneficiari del sussidio, infatti, 753mila sono minorenni che fanno parte di famiglie che ricevono il bonus). 

VIDEO - Giornata diritti dell'infanzia: 1 bambino su 3 privato del futuro

La corsa alla crisi, tuttavia, è ripartita con la pandemia nel 2020. Dati Save the Children alla mano, la percentuale di Early School Leavers italiani (cioè ragazzi tra i 18 e i 24 anni che non studiano e non hanno concluso il ciclo d'istruzione) è pari al 13,1%, contro il 9,9% della media europea. I Neet (giovani tra i 15 e i 29 anni che non lavorano, non studiano e non sono inseriti in alcun percorso di formazione) sono invece al 23,3% (a fronte del 13,7% europeo).

VIDEO - Bimbo cerca lavoro a Milano, la reazione dei passanti

undefined

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli