Italia markets close in 3 hours 42 minutes
  • FTSE MIB

    26.833,38
    +81,45 (+0,30%)
     
  • Dow Jones

    35.754,75
    +35,32 (+0,10%)
     
  • Nasdaq

    15.786,99
    +100,07 (+0,64%)
     
  • Nikkei 225

    28.725,47
    -135,15 (-0,47%)
     
  • Petrolio

    71,70
    -0,66 (-0,91%)
     
  • BTC-EUR

    43.626,33
    -137,58 (-0,31%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.288,34
    -16,78 (-1,29%)
     
  • Oro

    1.777,70
    -7,80 (-0,44%)
     
  • EUR/USD

    1,1316
    -0,0028 (-0,25%)
     
  • S&P 500

    4.701,21
    +14,46 (+0,31%)
     
  • HANG SENG

    24.254,86
    +257,99 (+1,08%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.215,37
    -17,72 (-0,42%)
     
  • EUR/GBP

    0,8579
    -0,0006 (-0,08%)
     
  • EUR/CHF

    1,0435
    -0,0005 (-0,05%)
     
  • EUR/CAD

    1,4356
    +0,0008 (+0,06%)
     

"Ita Airways cerca partner entro il 2022 e il marchio Alitalia era una zavorra"

·1 minuto per la lettura
(Photo: Handout . via Reuters)
(Photo: Handout . via Reuters)

“Non voglio favoritismi, ma regole uguali per tutti: se ci sono amministrazioni locali o aeroporti che vogliono dare incentivi li diano a tutti, anche a noi. Ma se non vogliono darli allora non li diano a nessuno. Non trovo ammissibile la disparità di trattamento. Durante il Covid le low cost sono scappate, gli italiani li ha riportati a casa Alitalia”. Lo sottolinea Alfredo Altavilla, presidente della nuova compagnia pubblica Ita Airways in un’intervista su ‘Il Corriere della Sera’, riferendosi agli incentivi aeroportuali delle low cost. “Quando è inverno le low cost tagliano le frequenze e restava a volare Alitalia. Non è giusto”, aggiunge. Quanto agli incentivi, Altavilla sottolinea che, visto che sono dati per volare negli scali piccoli, come accade per le low cost, se vengono erogati anche a Ita “gli stessi contributi magari ci voliamo pure noi”.

In merito alle alleanze internazionali, Altavilla annuncia accordi “entro il 2022”, e precisa di non aver voluto mantenere il nome Alitalia per i voli intercontinentali, anche se il brand è più conosciuto, perché “la maggior parte dei potenziali alleati con i quali abbiamo discusso del marchio mi ha detto che Alitalia sarebbe stata una zavorra in una discussione di alleanza. Era necessaria una discontinuità”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli