Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.848,58
    -214,97 (-0,93%)
     
  • Dow Jones

    30.932,37
    -469,64 (-1,50%)
     
  • Nasdaq

    13.192,35
    +72,92 (+0,56%)
     
  • Nikkei 225

    28.966,01
    -1.202,26 (-3,99%)
     
  • Petrolio

    61,66
    -1,87 (-2,94%)
     
  • BTC-EUR

    39.415,35
    -187,99 (-0,47%)
     
  • CMC Crypto 200

    912,88
    -20,25 (-2,17%)
     
  • Oro

    1.733,00
    -42,40 (-2,39%)
     
  • EUR/USD

    1,2088
    -0,0099 (-0,81%)
     
  • S&P 500

    3.811,15
    -18,19 (-0,48%)
     
  • HANG SENG

    28.980,21
    -1.093,96 (-3,64%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.636,44
    -48,84 (-1,33%)
     
  • EUR/GBP

    0,8664
    -0,0029 (-0,33%)
     
  • EUR/CHF

    1,0965
    -0,0048 (-0,43%)
     
  • EUR/CAD

    1,5376
    +0,0032 (+0,21%)
     

Italia, meno operazioni M&A in 2020, ma cresce controvalore con grandi deal - Refinitiv

·1 minuto per la lettura
Logo Refinitiv a Pechino

MILANO (Reuters) - L'anno scorso il valore delle operazioni di M&A che hanno coinvolto l'Italia è cresciuto del 37% rispetto al 2019 a 75,6 miliardi di dollari grazie a deal di grandi dimensioni, che compensano un calo del 23% del numero assoluto, ai minimi dal 2015.

E' quanto emerge dal rapporto Investment Banking Italia 2020 redatto da Refinitiv.

Secondo le rilevazioni del provider di dati finanziari i due maggiori deal dell'anno hanno visto protagonista la società di pagamenti digitale Nexi per 12,7 miliardi di dollari, pari al 16,8% del M&A totale italiano.

Le operazioni che hanno avuto come target società italiane, finalizzate prevalentemente da operatori francesi (per 10,6 miliardi di dollari) e statunitensi (per 6,2 miliardi di dollari) hanno totalizzato investimenti che non si vedevano da cinque anni a 60,6 miliardi di dollari (+92% rispetto al 2019).

Ai picchi degli ultimi 13 anni l'M&A domestico per 28,9 miliardi di dollari, mentre l'attività verso l'estero è scesa del l34% a 12,8 miliardi di dollari, valore più basso degli ultimi tre anni.

Appartengono al settore finanziario la terza e la quarta operazione per dimensione, sottolinea il rapporto: rispettivamente l'acquisizione di Borsa Italiana da parte di Euronext e quella di Ubi Banca da parte di Intesa Sanpaolo.

Sul versante degli adviser finanziari, Goldman Sachs conferma il primato del 2019 grazie al coinvolgimento in tutte le sei principali operazioni italiane di M&A del 2020.

(Maria Pia Quaglia, in redazione a Milano Gianluca Semeraro)