Italia markets closed
  • Dow Jones

    33.826,83
    -259,21 (-0,76%)
     
  • Nasdaq

    11.610,90
    +26,35 (+0,23%)
     
  • Nikkei 225

    27.346,88
    +19,77 (+0,07%)
     
  • EUR/USD

    1,0919
    +0,0053 (+0,49%)
     
  • BTC-EUR

    21.159,99
    -219,29 (-1,03%)
     
  • CMC Crypto 200

    522,97
    +280,29 (+115,50%)
     
  • HANG SENG

    22.072,18
    +229,85 (+1,05%)
     
  • S&P 500

    4.069,31
    -7,29 (-0,18%)
     

Italia, vendite al dettaglio novembre +0,8% su mese - Istat

Una bandiera italiana a Roma

ROMA (Reuters) - A novembre, rispetto al mese precedente, si registra una crescita delle vendite al dettaglio sia in valore sia in volume.

Secondo i dati diffusi oggi da Istat, nel mese in esame l'indice complessivo in valore delle vendite ha registrato un rialzo dello 0,8% su mese dopo il -0,3% rivisto di ottobre, mentre in volume hanno segnato un +0,4% dopo un -1,2%.

Le vendite dei beni alimentari crescono in valore (+0,6%) e restano stazionarie in volume; quelle dei beni non alimentari registrano una variazione positiva in valore e in volume (rispettivamente +1,0% e +0,7%).

Venendo alla dinamica congiunturale, nel trimestre settembre-novembre , le vendite al dettaglio crescono in valore (+0,8%) e calano in volume (-1,4%).

A perimetro annuo, le vendite a novembre aumentano del 4,4% in valore - dopo il +1,2% rivisto di ottobre - e registrano un calo in volume (-3,6%).

"Su base tendenziale continua a manifestarsi la dinamica già evidenziata nei cinque mesi precedenti: a una crescita ancora sostenuta delle vendite in valore si contrappone una marcata flessione dei volumi, dovuta soprattutto all’andamento delle vendite dei beni alimentari", osserva Istat nella nota che accompagna i numeri, aggiungendo che tutte le forme distributive registrano variazioni positive, in particolar modo la grande distribuzione e il commercio elettronico.

Per Confcommercio, "il modesto incremento congiunturale dei volumi acquistati non attenua la portata negativa del profilo delle vendite al dettaglio", che al netto dell'inflazione nei primi undici mesi del 2022 risultano "sostanzialmente ferme rispetto allo stesso periodo del 2021", si legge in una nota.

I dati Istat non sono aggiustati sulla base dell'inflazione. L'indice Nic a novembre si è attestato all'11,8% su anno.

L'impennata dei prezzi sta spingendo le famiglie a comportamenti selettivi sui consumi che finora, rileva ancora Confcommercio, hanno riguardato principalmente i beni ma presto potrebbero interessare anche l'ambito dei servizi.

(Valentina Consiglio, Antonella Cinelli, editing Stefano Bernabei)