Italia markets closed
  • Dow Jones

    30.273,87
    -42,45 (-0,14%)
     
  • Nasdaq

    11.148,64
    -27,77 (-0,25%)
     
  • Nikkei 225

    27.120,53
    +128,32 (+0,48%)
     
  • EUR/USD

    0,9889
    -0,0097 (-0,97%)
     
  • BTC-EUR

    20.300,63
    -378,15 (-1,83%)
     
  • CMC Crypto 200

    456,09
    -2,31 (-0,50%)
     
  • HANG SENG

    18.087,97
    +1.008,46 (+5,90%)
     
  • S&P 500

    3.783,28
    -7,65 (-0,20%)
     

L’economia cinese ferma il rally di Bitcoin ed Ethereum

L’economia cinese ferma il rally di Bitcoin ed Ethereum
L’economia cinese ferma il rally di Bitcoin ed Ethereum


Al momento della pubblicazione, un sentiment lievemente ribassista pesava sulle principali monete digitali. La capitalizzazione di mercato globale delle criptovalute era in calo dello 0,18% a 1.144,61 miliardi di dollari.

Moneta

24 ore

7 giorni

Prezzo

Bitcoin (CRYPTO:BTC)

-0,09%

+0,94%

24.016,34 dollari

Ethereum (CRYPTO:ETH)

-1,1%

+6,07%

1.880,91 dollari

Tether (CRYPTO:USDT)

-0,01%

-0,02%

1 dollaro

Criptovaluta

Variazione % nelle ultime 24 ore (+/-)

Prezzo

Chiliz (CHZ)

+15,16%

0,2058 dollari

Dogecoin (DOGE)

+13,65%

0,08558 dollari

Ankr (ANKR)

+11,04%

​0,05012 dollari

Al momento della pubblicazione, i futures sull’S&P 500 e il Nasdaq risultavano piatti.

Il sentiment del mercato azionario è stato guastato dai deboli dati economici provenienti dalla Cina. A luglio la produzione industriale cinese è stata del 3,8%, in calo rispetto a una previsione del 5%. Con una decisione inaspettata, la banca centrale cinese ha tagliato i tassi di interesse di 10 punti base.

“I dati economici di ieri sulla Cina sono stati molto deludenti, per usare un eufemismo. Insieme ai dati sui prestiti di venerdì, non dipingono un buon quadro della domanda interna o delle prospettive di crescita", ha dichiarato Craig Erlam, analista di mercato senior di OANDA.

"Bitcoin ha testato l’area sopra i 25.000 dollari, ma è stato respinto al primo tentativo. Sembra che la criptovaluta, come molti altri strumenti, stia testando una barriera potenzialmente importante dopo la recente ripresa e potremmo assistere a qualche presa di profitto", ha scritto Erlam in una nota vista da Benzinga.

Comunque, c’è un lato positivo: secondo i dati pubblicati da Bank of America e messi in evidenza dall’analista di GlobalBlock Marcus Sotiriou, la spesa dei consumatori statunitensi non sta subendo una decelerazione.

"Ciò è dimostrato dal fatto che la spesa al dettaglio online è ancora positiva su base annua, la spesa in servizi per il tempo libero è in aumento e i saldi medi dei conti correnti rimangono significativamente elevati rispetto al 2019".

"Comunque, se consideriamo il rapporto tra pagamenti dei servizi di debito e reddito personale disponibile, che risulta notevolmente inferiore ai livelli della bolla dot com, della Crisi finanziaria globale del 2008-09 e del 2020, possiamo vedere che i consumatori sono in una posizione sana", ha scritto Sotiriou.

Nel frattempo, gli investitori attendono i dati sulle vendite al dettaglio negli Stati Uniti, in uscita venerdì. Mercoledì intanto saranno pubblicati i verbali del recente meeting di politica monetaria del Federal Open Market Committee.

Il trader di criptovalute Justin Bennett ha affermato che si sta muovendo con cautela sulle criptovalute mentre monitora l’indice del dollaro, che misura la forza del biglietto verde rispetto a un paniere di sei valute rivali.

Al momento della pubblicazione, l'indice del dollaro era in aumento dello 0,14% a 106,70. Bennett prevede che se l’indice manterrà il livello di 106,5, "gli asset di rischio saranno messi sotto pressione".

Intanto, Michaël van de Poppe ha affermato che Bitcoin si sta "consolidando un po'" attraverso le prese di profitto dopo la recente corsa al rialzo osservata la settimana scorsa. Il trader di criptovalute sostiene che "la mentalità ribassista è ancora l’aspetto chiave". van de Poppe ha indicato 23.800 e 23.000 dollari come livelli chiave a cui i long devono prestare attenzione.

L’offerta di Bitcoin ha subito un "importante trasferimento di ricchezza negli ultimi mesi", ha dichiarato la società di analisi on-chain Glassnode in un recente post sul suo blog.

Sebbene l'offerta dei titolari a lungo termine (LTH) di BTC abbia registrato un "modesto calo" in seguito al crollo di Terra Classic (LUNC), essa rimane range-bound.

Offerta totale di Bitcoin detenuta dai titolari a lungo termine (LTH) — Per gentile concessione di Glassnode

Secondo Glassnode, ciò indica una spesa contenuta da parte di un sottoinsieme, piuttosto che una perdita generale di fiducia.

D'altra parte, i titolari a breve termine stanno registrando una divergenza tra BTC e la ricchezza denominata in dollari.

Cambiamenti di posizione da parte dei titolari a breve termine (STH) negli ultimi 30 giorni — Per gentile concessione di Glassnode

"Ciò indica un gruppo di acquirenti che è entrato ai minimi e che ora detiene circa [300.000 BTC], acquisiti a un costo molto inferiore", ha scritto Glassnode.

Vuoi fare trading come un professionista? Prova GRATIS la Newsletter Premium 4 in 1 di Benzinga Italia con azionibreakoutcriptovalute e opzioni.

Continua a leggere su Benzinga Italia