Italia markets close in 5 hours 9 minutes
  • FTSE MIB

    25.661,88
    -95,95 (-0,37%)
     
  • Dow Jones

    34.393,75
    -85,85 (-0,25%)
     
  • Nasdaq

    14.174,14
    +104,72 (+0,74%)
     
  • Nikkei 225

    29.441,30
    +279,50 (+0,96%)
     
  • Petrolio

    71,23
    +0,35 (+0,49%)
     
  • BTC-EUR

    32.985,86
    +406,24 (+1,25%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.004,24
    +35,40 (+3,65%)
     
  • Oro

    1.866,20
    +0,30 (+0,02%)
     
  • EUR/USD

    1,2129
    +0,0006 (+0,05%)
     
  • S&P 500

    4.255,15
    +7,71 (+0,18%)
     
  • HANG SENG

    28.638,53
    -203,60 (-0,71%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.147,80
    +15,13 (+0,37%)
     
  • EUR/GBP

    0,8611
    +0,0021 (+0,25%)
     
  • EUR/CHF

    1,0895
    -0,0008 (-0,07%)
     
  • EUR/CAD

    1,4771
    +0,0053 (+0,36%)
     

La Pepsi fa causa milionaria a 13 contadini indiani

La varietà di patata FC5 ha un livello di umidità inferiore alla patata media ed è stata importata in India proprio dalla Pepsi nel 1989, avendone il brevetto di copyright. (Credits – Getty Images)
La varietà di patata FC5 ha un livello di umidità inferiore alla patata media ed è stata importata in India proprio dalla Pepsi nel 1989, avendone il brevetto di copyright. (Credits – Getty Images)

125mila dollari a testa, per un totale di 1.625.000 di dollari. E’ quanto chiede la Pepsi, il colosso americano famoso per la versione alternativa della Coca Cola, a 13 contadini in India. Oggetto del contendere una varietà di patata che i contadini dovrebbero coltivare per la Pepsi, ma che avrebbero ‘rubato’ per coltivarla anche altrove, privatamente.

La varietà FC5 ha un livello di umidità inferiore alla patata media ed è stata importata in India proprio dalla Pepsi nel 1989, avendone il brevetto di copyright. Questa variante, proprio perché meno umida, le rende particolarmente adatte a essere impiegate per preparare snack di patatine imbustate, quelle che Pepsi imbusta sotto il nome Lay’s. I contadini indiani sono stati messi sotto contratto dal colosso USA e le coltivano per la Pepsi. Ma, a quanto pare, 13 di loro si sarebbero appropriati di alcune patate e avrebbero iniziato a coltivarle autonomamente.

E la Pepsi, scoperto il fatto, ha deciso di trascinare i contadini in tribunale, chiedendo appunto 125mila dollari a ognuno di loro per aver violato il contratto stipulato e il copyright sulla varietà FC5 di patata. Il primo round si è giocato ieri nel tribunale commerciale di Ahmedabad, la capitale dello stato del Gujarat. Un incontro che si è chiuso con un nulla di fatto.

Da un lato, infatti, Pepsi è venuta incontro ai contadini, proponendo che il rimborso monstre venisse convertito, con gli accusati che dovrebbero firmare una dichiarazione in cui riconoscono che la proprietà dei diritti delle loro patate è della multinazionale e si impegnino a consegnare alla PepsiCo tutto il prossimo raccolto. Una proposta non accettata dall’avvocato degli agricoltori, Anand Yagnik, che punta sulla mobilitazione popolare affinché il governo indiano si schieri a fianco dei contadini.

Potrebbe anche interessarti:

Le braccia tornano all’agricoltura: i nuovi lavori tra natura e tecnologia

Una piccola casa economica tutta da vedere

Meteo, le previsioni per il primo maggio