Italia Markets closed

Lettera finanziaria. Dollaro in forte recupero tecnico

Fabrizio Brasili
 

Ci sono volute, verso il fine  settimana, tutta una serie di notizie di una sfavillante salute dell'economia Usa, per arginare il deprezzamento costante del dollaro verso euro ed yen sopratutto.

Sull'euro siamo passati in due sedute da 1,2555 a 1,2395, massimi e minimi intraday. Lo stesso cross con lo yen  passato da 108,95 a 105,55 sempre massimi e minimi. Per poi riguadagnare quasi una figura riportandosi ben sopra i 106.

Ma trattasi di puro rafforzamento da recupero tecnico, dopo aver costruito un'interessante figura di doppio massimo.

Di (KSE: 003160.KS - notizie) certo sarà interessante  attendere ulteriori segnali e conferme  di continua buona salute degli Usa, seguito da tre o anche quattro aumenti dei tassi, a partire già forse dal prossimo mese e che potrebbero riservare delle sorprese circa l' entità degli stessi.

Allora potremo assistere ad un più convinto e strutturale rafforzamento del dollaro contro euro  fino ad area 1,21.. Solo rotto questo supporto potremo assistere ad un punto di equilibrio  sugli 1,16/1,18. Ma solo se agevolato da un indebolimento dell' euro,post elezioni o dovuto a nuove discese dei mercati azionari ed in minor misura obbligazionari Usa. Per il cross con lo yen potremo ritrovarci di nuovo a flirtare con area 109, buona anche qui per Giappone e per gli Usa.

Piuttosto  notiamo un ritorno degli acquisti sul treasury decennali che ha portato il rendimento dai 2,9550% a 2,8450%, anche qui squisitamente di natura tecnica  e per ipervenduto, ma che non inficia di certo il ritorno sopra i 2,95% di rendimento, senza escludere anche un superamento dei 3%.

Teniamo presente che da inizio 2017 il rendimento del decennale Usa è aumentato del 50% passando da poco meno del 2% a poco meno il 3%...un po' di storno fisiologico!

Commodities e ed oro ed argento in ripiegamento. Petrolio in rafforzamento, con il WTI sopra 62$.

Passiamo ora al nostro mercato.

Sembra giunto tecnicamente sulle vecchi resistenze intermedie di 22800/900  di indice, o più precisamente e correttamente alle resistenze, anche qui  vecchi supporti, di 22200/300 di future Giugno, Entrando ancor di piu nel  sempre più affidabile, almeno per noi, range di ampio spettro di 2000 punti circa.

E stato recuperato dai minimi di Febbraio e dell' anno un migliaio di punti, ma pensiamo che ci si fermerà appunto su questi livelli, esattamente,  anche qui, a metà strada fra supporti e resistenze principali gia toccate nell' ultimo anno.

Suggerimenti  operativi

Entrando ancor di più nel mercato, lunedì partirà il più originale e pazzesco aumento di capitale mai visto, almeno per i bancari.

Il prezzo del titolo ex, già recentissimamente accorpato a 1 azione nuova per 10 vecchie,partirà  dal prezzo di riferimento  di 0,1122, mentre il diritto da 7,688. Suggerimento quindi come già anticipato ai nostri vabbonati, vendere subito tutti i diritti e comprare il titolo ex, nella stessa modesta quantità in euro  suggerita ed investita e posseduta, come minimo.

Dopo di che valutare insieme a noi di vendere le sole opzioni call atm o di poco superiori con scadenza Giugno/Settembre. Pura scommessa. Qualcuno comprerà pure questo piccolo ex gioiellino!

Approfittare poi della scadenza opzionidi Maggio, da lunedì  operativa, per rollare, unitamente a Giugno, le call e le put sempre,  rispettivamente su strike 24000 / 24500 e 21000/20500. Ora per Maggio nel rapporto 1 a 1.

Grandi recuperi verso i vicini massimi dei soliti buoni titoli evergreen, buoni per tutti i momenti del mercato, ELEN, Autogrill (Milano: AGL.MI - notizie) , Tamburi e Moncler, questi ultimi  tre da alleggerire sopratutto tradando e vendendo con call e put otm o  leggermente out the money. 

Acquistare in area 20/20,50  Vivendi (Londra: 0IIF.L - notizie) sul CAC 40.e coprire con vendita di  call  e put giugno e settembre rispettivamente 22 /24  e  19/ 18.

Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online