Italia markets close in 6 hours 16 minutes
  • FTSE MIB

    25.066,62
    -229,78 (-0,91%)
     
  • Dow Jones

    35.144,31
    +82,76 (+0,24%)
     
  • Nasdaq

    14.840,71
    +3,72 (+0,03%)
     
  • Nikkei 225

    27.970,22
    +136,93 (+0,49%)
     
  • Petrolio

    71,83
    -0,08 (-0,11%)
     
  • BTC-EUR

    31.616,13
    -1.067,17 (-3,27%)
     
  • CMC Crypto 200

    883,58
    -31,91 (-3,49%)
     
  • Oro

    1.795,50
    -3,70 (-0,21%)
     
  • EUR/USD

    1,1784
    -0,0024 (-0,20%)
     
  • S&P 500

    4.422,30
    +10,51 (+0,24%)
     
  • HANG SENG

    25.086,43
    -1.105,89 (-4,22%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.072,05
    -30,54 (-0,74%)
     
  • EUR/GBP

    0,8546
    +0,0008 (+0,09%)
     
  • EUR/CHF

    1,0801
    -0,0007 (-0,07%)
     
  • EUR/CAD

    1,4828
    +0,0022 (+0,15%)
     

L'industria Usa ha quattro punti deboli. Biden corre ai ripari

·1 minuto per la lettura
Supply (Photo: Getty&HP)
Supply (Photo: Getty&HP)

Per mancanza di un chiodo un ferro di cavallo fu perso, mancando un ferro il cavallo fu perso, mancando un cavallo un cavaliere andò perduto, la battaglia fu persa, e perdendo la battaglia fu perso l’intero regno.

Non è un caso che l’antico proverbio venga espressamente citato nel rapporto di 250 pagine sulle supply chains consegnato dal Consiglio economico nazionale e dal consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan al presidente americano Joe Biden: è una sintesi impeccabile dell’importanza che le catene di fornitura, le supply chains appunto, hanno assunto agli occhi della nuova amministrazione americana post Donald Trump. Una fotografia senza filtri della rinnovata percezione dei processi globali dai quali può dipendere la sussistenza economica e la sicurezza di un Paese che vuole riaffermare la sua leadership mondiale nell’ottica del “build back better”, ricostruire meglio, come recitava lo slogan elettorale di Biden. Ma è pure la ragione che sta dietro all’approccio, aggressivo a dir poco, assunto da Washington nei confronti della Cina nelle ultime settimane.

Lo sforzo della task force che ha prodotto il report è stato sovrumano: un lavoro durato solo 100 giorni coinvolgendo una dozzina di Dipartimenti (Commercio, Energia, Difesa e Salute) e agenzie federali, centinaia di stakeholders, dirigenti di industria, ricercatori, esperti. Il 24 febbraio 2021, il presidente degli Stati Uniti ha firmato l’ordine esecutivo (E.O.) 14017, “America’s Supply Chains”, ordinando al Governo americano di avviare una revisione completa delle catene di approvvigionamento critiche del Paese per identificarne i rischi, affrontarne le vulnerabilità e sviluppare una strategia per garantirne la resilienza a choc esterni e carenze. In occasione della firma dell’ordine esecutivo, il presidente invocò un vecchio proverbio: “Per mancan...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli