Italia Markets closed

Mascherine di stoffa, nuova scoperta: cosa fare per proteggersi

Primo Piano
·2 minuti per la lettura

Con l’introduzione dei nuovi obblighi riguardanti le mascherine, sono in molti a ricorrere ad alternative ecosostenibili e riutilizzabili per non inquinare con i dispositivi chirurgici monouso. Un nuovo studio della Unsw Sydney, pubblicato su BMJ Open, ha fatto chiarezza su come utilizzare al meglio le mascherine in tessuto.

Le mascherine di stoffa, secondo i ricercatori, funzionano per ridurre la probabilità di contaminazione e trasmissione del coronavirus ma solo se vengono lavate ogni giorno in lavatrice.

GUARDA ANCHE - Coronavirus, cambia la quarantena

Secondo lo studio le mascherine di stoffa devono essere lavate quotidianamente ad alte temperature per essere protettive contro le infezioni.

"Sia le mascherine in tessuto che quelle chirurgiche - ha spiegato Raina MacIntyre, che ha condotto lo studio - devono essere considerate 'contaminate' dopo l'uso. A differenza delle mascherine chirurgiche, che vengono smaltite dopo l'utilizzo, quelle in tessuto vengono riutilizzate. Anche se si può essere tentati di farlo o di lavarle in modo sommario, la ricerca suggerisce che questo aumenta il rischio di contaminazione".

I ricercatori hanno analizzato i dati non pubblicati di uno studio del 2015. "Date le potenziali implicazioni per gli operatori sanitari e in generale per chi utilizza mascherine di stoffa durante la pandemia - ha aggiunto MacIntyre - abbiamo approfondito dati relativi al 2011 sul fatto che gli operatori sanitari le lavassero quotidianamente e come. È emerso che se venivano lavate nella lavanderia dell'ospedale, erano efficaci quanto una maschera chirurgica".

GUARDA ANCHE - Zaia: “Abbiamo due scenari possibili”

"Anche se è improbabile che chi indossa una mascherina di stoffa venga a contatto con la stessa quantità di agenti patogeni di un operatore sanitario in un reparto ad alto rischio - ha proseguito la ricercatrice - consigliamo comunque di lavare quotidianamente le mascherine".

Secondo l'analisi, il lavaggio a mano delle mascherine non ha fornito una protezione adeguata. Gli operatori sanitari che lavavano da soli le maschere a mano avevano il doppio del rischio di infezione rispetto a quelli che usavano la lavanderia dell'ospedale.