Italia markets closed
  • Dow Jones

    33.780,96
    +490,88 (+1,47%)
     
  • Nasdaq

    14.118,91
    +88,54 (+0,63%)
     
  • Nikkei 225

    28.010,93
    -953,15 (-3,29%)
     
  • EUR/USD

    1,1916
    +0,0051 (+0,43%)
     
  • BTC-EUR

    27.406,38
    -1.867,56 (-6,38%)
     
  • CMC Crypto 200

    796,39
    -53,96 (-6,35%)
     
  • HANG SENG

    28.489,00
    -312,27 (-1,08%)
     
  • S&P 500

    4.214,78
    +48,33 (+1,16%)
     

Mediaset, proxy advisor ISS e Glass Lewis divisi su trasferimento sede in Olanda

·1 minuto per la lettura
La torre Mediaset a Cologno Monzese

MILANO (Reuters) - Glass Lewis e ISS si dividono sulla proposta di Mediaset di trasferire la sede legale del gruppo in Olanda, che sarà esaminata all'assemblea del 23 giugno.

E' quanto si legge nei rapporti dei due proxy advisor visionati da Reuters.

Il trasferimento della sede legale in Olanda, e il conseguente cambio di statuto, è parte di un accordo complessivo tra Mediaset, controllata dalla famiglia dell'ex premier Silvio Berlusconi, e il suo secondo principale azionista, Vivendi, che ha messo fine a un lungo contenzioso legale.

L'accordo prevede, tra l'altro, che Vivendi, che detiene una quota del 29%, assicuri il suo essenziale supporto al trasferimento della sede legale in Olanda, che Mediaset considera come un passaggio fondamentale per perseguire una strategia di consolidamento a livello europeo.

"Non troviamo ragioni per opporci al trasferimento della sede della società, sulla base delle motivazioni strategiche fonrite", si legge nel report di Glass Lewis.

Invece ISS, suggerendo di votare contro, sottolinea come "il trasferimento non è supportato da motivazioni strategiche sufficientemente convincenti e potrebbe negativamente impattare gli azionisti di minoranza".

(Elvira Pollina, in redazione a Milano Gianluca Semeraro)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli