Italia markets close in 5 hours 1 minute
  • FTSE MIB

    23.778,53
    +96,96 (+0,41%)
     
  • Dow Jones

    31.802,44
    +306,14 (+0,97%)
     
  • Nasdaq

    12.609,16
    -310,99 (-2,41%)
     
  • Nikkei 225

    29.027,94
    +284,69 (+0,99%)
     
  • Petrolio

    65,73
    +0,68 (+1,05%)
     
  • BTC-EUR

    45.394,67
    +3.116,42 (+7,37%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.090,90
    +66,69 (+6,51%)
     
  • Oro

    1.702,80
    +24,80 (+1,48%)
     
  • EUR/USD

    1,1916
    +0,0064 (+0,54%)
     
  • S&P 500

    3.821,35
    -20,59 (-0,54%)
     
  • HANG SENG

    28.773,23
    +232,40 (+0,81%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.781,08
    +17,84 (+0,47%)
     
  • EUR/GBP

    0,8579
    +0,0010 (+0,12%)
     
  • EUR/CHF

    1,1091
    +0,0000 (+0,00%)
     
  • EUR/CAD

    1,5004
    +0,0010 (+0,07%)
     

Mercati Azionari: Il Vento Rialzista Soffia Ancora

Carlo Alberto De Casa
·5 minuto per la lettura

Sui mercati azionari il risk on domina ancora lo scenario. Gli investitori continuano a puntare sull’efficacia dei vaccini e – conseguentemente – su un’ulteriore ripresa dell’economia. Dai minimi dello scorso marzo l’indice americano S&P 500 ha guadagnato circa l’80%, salendo sino a sfiorare i 4.000 punti. Il Nasdaq, dal canto suo, continua a macinare nuovi record, con le quotazioni ormai in area 14.000 punti, mentre il Dow Jones ha rotto al rialzo la soglia dei 31.000.

Crollo e successiva rimonta dell’indice S&P 500, ormai a ridosso dei 4.000 punti. Fonte: piattaforma ActivTrader
Crollo e successiva rimonta dell’indice S&P 500, ormai a ridosso dei 4.000 punti. Fonte: piattaforma ActivTrader

Guardando l’Italia, anche il FTSE Mib continua ad essere ben impostato. L’indice milanese ha superato i 23.500 punti, circa 9.000 in più rispetto ai minimi del marzo 2020 ed ormai meno di 2.000 in meno rispetto ai massimi del febbraio 2020. Nelle ultime settimane, poi, la nomina di Mario Draghi, ex governatore centrale della BCE ha generato altri acquisti sul FTSE Mib. Ne hanno beneficiato soprattutto i titoli bancari, con Intesa volata sopra i 2 euro, mentre Unicredit passa di mano in area 8,50 euro per azione.

La domanda che tutti si pongono è sempre la stessa: fino a quando può durare questa euforia generalizzata sui mercati? Come valutare il prezzo delle azioni? È difficile porre paletti, anche perché i numeri di bilancio di molte aziende non sembrerebbero destinati a generare tutto questo entusiasmo. Quanto stiamo vedendo in borsa è però la combinazione delle attese per un recupero nella seconda parte del 2021 (e soprattutto nel 2022) con le politiche particolarmente espansive delle banche centrali.

I tassi di interesse negativi spingono di fatto gli operatori ad investire la propria liquidità. Mantenere il denaro fermo, non soltanto non rende, ma addirittura rischia di diventare un costo. È vero, il rischio di vivere in una grande bolla, una colossale distorsione dei prezzi di mercato c’è, ma, ma non è facile capire se e quando si potrà tornare indietro.

Ecco spiegato quindi l’attuale scenario, che fra il resto vede anche i BTP con scadenze fino ad oltre cinque anni offrire rendimenti negativi.

Dando uno sguardo al forex market, ossia il mercato valutario, lo scenario di fondo sul cambio fra euro e dollaro ci presenta ancora la sfida fra gli investitori che puntano su un “minidollaro”, destinato nel medio termine a perdere il ruolo di valuta unica di riferimento e chi invece ritiene che la discesa della banconota verde, almeno per il momento sia stata sufficiente.

Nel complesso, sembra prevalere la prima tesi, con il cambio nuovamente oltre 1,21, pronto ad attaccare l’area 1,225.

Spostandoci verso il Regno Unito, resta ancora forte la sterlina, salita oltre 1,39 contro il dollaro. Il cross EUR/GBP è arrivato a testare 0,872, su valori che non si vedevano dallo scorso maggio. La situazione britannica appare tuttavia particolarmente complessa. La Brexit pare essere arrivata nel peggior momento possibile, con il paese reduce da un lunghissimo lockdown e la city londinese che mostra segnali di debolezza.

I mercati, però, puntano su una progressiva ripresa e paiono ancora brindare allo scampato pericolo di una Brexit senza accordo (anche se quello ottenuto è assai sottile). Inoltre, ritengono improbabili tassi negativi da parte della Bank of England, altro elemento favorevole per la ripresa del pound.

Il clima di generale ottimismo che si respira sui mercati ha spinto ulteriormente al rialzo le quotazioni del petrolio. Il Brent, ossia il greggio del Mare del Nord è ormai scambiato a 63 dollari al barile, mentre il WTI naviga intorno alla soglia psicologica dei 60 dollari al barile. Sembra passato un secolo, invece sono trascorsi appena dieci mesi da quando il future di maggio 2020 del WTI quotò per qualche ora in negativo, arrivando ad un record negativo di -37 dollari al barile.

Disclaimer

I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 77% di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il Tuo denaro.

ActivTrades Europe è autorizzata e regolata dalla Commission de Surveillance du Secteur Financier (CSSF), Luxembourg. ActivTrades Europe SA è una società registrata in Lussemburgo, numero di registrazione B232167.

Via Borgonuovo 14/16 20121 Milano – Iscritta all’Albo delle imprese di investimento comunitarie con succursale al numero 198. I livelli di prezzo utilizzati in questa analisi, si riferiscono ai contratti CFD presenti nell’offerta di ActivTrades Europe.

Le informazioni qui fornite non costituiscono una ricerca di investimento. I materiali non sono stati preparati in conformità ai requisiti legali volti a promuovere l’indipendenza della ricerca di investimento e in quanto tali devono essere considerati come una comunicazione pubblicitaria.

Tutte le informazioni sono state preparate da ActivTrades Europe (altresì “ATE”). Le informazioni non contengono una raccolta dei prezzi di ATE, né possono essere intese come offerta, consulenza, raccomandazione o sollecitazione ad effettuare transazioni su alcuno strumento finanziario. Non viene fornita alcuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o alla completezza di tali informazioni. Qualsiasi materiale fornito non tiene conto dell’obiettivo di investimento specifico e della situazione finanziaria di chiunque possa riceverlo. I risultati passati non sono un indicatore affidabile dei risultati futuri. ATE fornisce un servizio di sola esecuzione. Di conseguenza, chiunque agisca in base alle informazioni fornite lo fa a proprio rischio

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: