Italia markets closed
  • Dow Jones

    31.019,66
    +72,67 (+0,23%)
     
  • Nasdaq

    11.161,86
    -19,68 (-0,18%)
     
  • Nikkei 225

    26.804,60
    -244,87 (-0,91%)
     
  • EUR/USD

    1,0441
    -0,0085 (-0,80%)
     
  • BTC-EUR

    19.237,20
    -370,48 (-1,89%)
     
  • CMC Crypto 200

    432,21
    -7,45 (-1,69%)
     
  • HANG SENG

    21.996,89
    -422,08 (-1,88%)
     
  • S&P 500

    3.816,47
    -5,08 (-0,13%)
     

Nessuna cortina di ferro calerà sull'economia russa - Putin

Il presidente russo Vladimir Putin a Sochi, in Russia

LONDRA (Reuters) - Il presidente Vladimir Putin ha detto che nessuna cortina di ferro cadrà sull'economia russa malgrado le sanzioni imposte dall'Occidente, perché la Federazione russa non intende chiudersi al mondo come fece a suo tempo l'Unione Sovietica.

Le sanzioni imposte dall'Occidente per l'invasione dell'Ucraina hanno spinto Mosca, uno dei maggiori produttori mondiali di risorse naturali, verso una severa contrazione economica, come non si vedeva dagli anni immediatamente successivi alla caduta dell'Unione Sovietica nel 1991.

Alla domanda su possibili accordi con partner come Cina e India in un contesto di "chiusura" dell'economia russa Putin - parlando in vista del Forum economico di San Pietroburgo della prossima settimana - ha detto che l'economia russa rimarrà aperta.

"Non avremo un'economia chiusa, non l'abbiamo avuta e non l'avremo", ha detto Putin ai giovani imprenditori durante una riunione trasmessa in tv.

"Non abbiamo avuto un'economia chiusa - o meglio l'abbiamo avuta ai tempi dell'Unione Sovietica quando ci siamo isolati, abbiamo creato la cosiddetta cortina di ferro, l'abbiamo creata con le nostre mani. Non faremo di nuovo lo stesso errore - la nostra economia sarà aperta".

(Tradotto da Luca Fratangelo, editing Francesca Piscioneri)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli