Italia markets closed
  • Dow Jones

    32.146,13
    +284,15 (+0,89%)
     
  • Nasdaq

    11.604,84
    -25,68 (-0,22%)
     
  • Nikkei 225

    26.945,67
    -388,12 (-1,42%)
     
  • EUR/USD

    1,0726
    +0,0055 (+0,51%)
     
  • Bitcoin EUR

    25.726,48
    -387,22 (-1,48%)
     
  • CMC Crypto 200

    602,40
    +2,73 (+0,45%)
     
  • HANG SENG

    19.000,71
    -517,88 (-2,65%)
     
  • S&P 500

    3.934,82
    +18,18 (+0,46%)
     

Nissan alza target globali per veicoli elettrici, aumenterà produzione in Usa

Foto di archivio dei loghi Renault e Nissan a Kiev, Ucraina

TOKYO (Reuters) - Nissan Motor Co Ltd ha alzato i propri target di vendita di veicoli elettrici cercando di recuperare terreno in un segmento dominato da nuove società come Tesla.

La casa automobilistica giapponese è stata un pioniere dei veicoli elettrici con il modello Leaf, interamente alimentato a batteria, ma ha avuto difficoltà - alla pari di molte società automobilistiche tradizionali - a causa della crescente concorrenza di nuovi rivali più agili.

Nissan punta ora a far sì che i veicoli elettrici - che comprendono modelli all'avanguardia di auto ibride ad alimentazione elettrica - rappresentino oltre il 55% delle vendite globali entro l'anno fiscale 2030, rispetto al precedente obiettivo del 50%, in base a quanto comunicato dall'azienda.

Il gruppo giapponese ha aggiunto che il mix di veicoli elettrici salirà al 44% entro l'anno fiscale 2026, rispetto al precedente obiettivo del 40%.

Nissan ha in programma 27 nuovi veicoli elettrificati entro quell'anno, 19 dei quali saranno veicoli elettrici a batteria, si legge in un comunicato. Il piano precedente prevedeva 23 veicoli elettrici, di cui 15 completamente a batteria.

Oltre alla produzione di veicoli elettrici presso lo stabilimento di Smyrna, nel Tennessee, Nissan ha in programma la costruzione di elettrotreni presso lo stabilimento di Decherd, nello stesso stato, per soddisfare i requisiti dell'Inflation Reduction Act, ha dichiarato il direttore operativo Ashwani Gupta.

(Tradotto da Enrico Sciacovelli, editing Stefano Bernabei)