Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.766,09
    +280,08 (+1,14%)
     
  • Dow Jones

    34.382,13
    +360,68 (+1,06%)
     
  • Nasdaq

    13.429,98
    +304,99 (+2,32%)
     
  • Nikkei 225

    28.084,47
    +636,46 (+2,32%)
     
  • Petrolio

    65,51
    +1,69 (+2,65%)
     
  • BTC-EUR

    40.283,09
    -271,35 (-0,67%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.398,33
    +39,77 (+2,93%)
     
  • Oro

    1.844,00
    +20,00 (+1,10%)
     
  • EUR/USD

    1,2146
    +0,0062 (+0,51%)
     
  • S&P 500

    4.173,85
    +61,35 (+1,49%)
     
  • HANG SENG

    28.027,57
    +308,90 (+1,11%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.017,44
    +64,99 (+1,64%)
     
  • EUR/GBP

    0,8610
    +0,0014 (+0,16%)
     
  • EUR/CHF

    1,0943
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • EUR/CAD

    1,4697
    +0,0005 (+0,04%)
     

Oro, analisi Tecno-Grafica e Fondamentale: Ritorno all’Area di Demand?

Flavio Ferrara
·2 minuto per la lettura

Il prezzo dell’Oro nelle ultime 24 ore si è indebolito dato la pressione delle ultime sedute per l’aumento del dollaro americano e dei rendimenti del Tesoro a lungo termine (soprattutto l’obbligazione a 10 anni). Il rendimento del Tesoro a 10 anni è aumentato anche durante la sessione di negoziazione odierna del Pacifico e Asia.

Questo sviluppo aumenta le probabilità di un incremento dei tassi d’interesse USA che darà ulteriore pressione sull’Oro in quanto è un asset inversamente correlato.

Gli appuntamenti della settimana e dati COT

Il consueto report settimanale Commitments of Traders (COT) della Commodity Futures Trading Commission (CFTC) che fornisce un’analisi dettagliata delle posizioni nette degli istituzionali sui mercati dei futures statunitensi ha dato nella giornata di venerdì 9 aprile una piacevole sorpresa.
Ricordiamo che il report Commitments of Traders è considerato un indicatore per l’analisi del sentiment dei mercati per decidere se la view di lungo termine degli istituzionali sull’asset è long o short.

Rispetto alla settimana precedente, le posizioni lunghe sull’Oro sono aumentate di oltre il 13% passando 167,5 k a 189,5 k. Un ottimo suggerimento in ottica long.

Tra gli appuntamenti della settimana, occhio di riguardo per oggi alle ore 14.30 (ora locale) per l’indice IPC, un dato che condiziona l’andamento del prezzo della commodity. Condiziona particolarmente poiché questo dato mostra tipicamente il tasso di inflazione che, come analizzato negli articoli precedenti, suggestiona non poco l’intero panorama futuro statunitense che di conseguenza condiziona non poco il prezzo dell’Oro.

Analisi Tecno-Grafica e previsioni sull’ Oro per la settimana

Il prezzo dell’Oro non è riuscito (ben evidente anche dal punto di vista grafico) a superare la zona chiave di resistenza 1746,50 $ la quale suggerisce che la commodity sembra ancora non sia pronta ad iniziare un netto movimento rialzista.

Come anticipato, la settimana non è iniziata nel migliore dei modi per l’Oro e un ritest della zona di demand (1674/1705 $) non è una remota possibilità. Ovviamente saranno vitali i dati che saranno pubblicati questa settimana che daranno input migliori dal punto di vista operativo.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: