Italia markets closed
  • Dow Jones

    30.842,04
    -428,05 (-1,37%)
     
  • Nasdaq

    12.718,42
    -279,33 (-2,15%)
     
  • Nikkei 225

    28.930,11
    -628,99 (-2,13%)
     
  • EUR/USD

    1,1980
    -0,0087 (-0,72%)
     
  • BTC-EUR

    40.335,40
    -2.925,59 (-6,76%)
     
  • CMC Crypto 200

    968,37
    -18,84 (-1,91%)
     
  • HANG SENG

    29.236,79
    -643,63 (-2,15%)
     
  • S&P 500

    3.762,76
    -56,96 (-1,49%)
     

Petrolio, Previsioni: Il greggio cala e il dollaro si rafforza

James Hyerczyk
·4 minuto per la lettura

I futures sul petrolio greggio U.S. West Texas Intermediate e internazionale di riferimento del Brent  sono in calo mercoledì dopo aver restituito i guadagni precedenti. Poiché le preoccupazioni meteorologiche in Texas hanno spinto il mercato al rialzo all’inizio della sessione, sospetto che le nuove previsioni che chiedono una pausa in condizioni estremamente fredde possano incoraggiare gli investitori a registrare i profitti. Un dollaro USA più forte potrebbe anche spingere verso il basso la domanda estera per l’attività denominata in dollari.

Alle 14:15 GMT, i futures sul petrolio greggio WTI di aprile vengono scambiati a $ 59,77, in calo di $ 0,31 o -0,52% e i futures sul petrolio greggio di aprile Brent sono a $ 63,25, in calo di $ 0,10 o -0,16%.

Un quinto della produzione di raffinazione degli Stati Uniti è inattiva

Un gelo artico ha tenuto al buio il settore energetico del Texas per il quinto giorno mercoledì. Il principale canale di spedizione di Houston chiuso durante la notte e almeno un quinto della produzione di raffinazione degli Stati Uniti inattiva, secondo Reuters.

È stata bloccata la produzione di circa 500.000-1,2 milioni di barili al giorno di greggio, incluso nel Permian, il più grande giacimento petrolifero statunitense, e potrebbero passare settimane prima che venga completamente ripristinato, hanno affermato gli analisti del settore.

L’ondata di freddo, che ha ucciso 21 persone e messo fuori combattimento milioni di persone in Texas, non dovrebbe interrompersi fino a questo fine settimana.

Il Texas produce più petrolio e gas naturale di qualsiasi altro stato degli Stati Uniti e i suoi operatori, a differenza di quelli del Nord Dakota o dell’Alaska, non sono abituati a gestire temperature gelide.

“Un rimbalzo della produzione potrebbe potenzialmente richiedere più di una o due settimane per la maggior parte dei pozzi di petrolio e gas, ma potrebbe essere necessario più tempo per la ripresa della produzione da quasi tutti i pozzi”, hanno scritto gli analisti di Citigroup.

Le esportazioni di greggio degli Stati Uniti sono state interrotte

Lo Houston Ship Channel, che era stato aperto per un po’ di traffico navale durante martedì, è stato chiuso di nuovo durante la notte. Il corso d’acqua di 53 miglia (85 km) cruciale per le esportazioni di petrolio e carburante, è stato chiuso dal 14 febbraio.

“Abbiamo 4 navi in arrivo in ritardo, il che non è molto. Il canale di spedizione non è operativo di notte a causa dei rischi meteorologici e abbiamo in programma di aprire il canale tra altre 3 ore da ora. La scorsa notte abbiamo avuto l’annullamento di un ordine a causa del tempo “, ha detto un dispatcher della Houston Pilots.

Previsioni giornaliere

Quasi 4 milioni di barili al giorno di capacità di raffinazione sono stati tagliati, secondo i calcoli Reuters. Il freddo ha bloccato la produzione di gas naturale e le condutture che le raffinerie utilizzano per la generazione di energia. Interruzioni di corrente diffuse o instabilità dell’alimentazione esterna possono forzare gli arresti.

Questo è un evento a breve termine, quindi inseguire prezzi più alti è rischioso. Ecco un buon esempio di quanto possa essere volatile la speculazione sull’energia in questo momento. I prezzi dell’elettricità in Texas hanno continuato a salire, poiché le utility si sono affrettate a soddisfare la domanda di riscaldamento. Mercoledì la potenza del giorno successivo presso l’hub dell’ERCOT North, che comprende le città di Dallas e Fort Worth, è aumentata a un record di $ 8.800 per MWh, un balzo di quasi sei volte rispetto ai $ 1.490 di martedì.

Pensi che i prezzi dell’elettricità in questa regione rimarranno a $ 8.800 per MWh nel lungo periodo? La risposta comunque è no. Torneranno ai loro normali livelli di prezzo una volta che il tempo migliorerà. La stessa cosa è prevista per il mercato del greggio. Mi aspetto che i prezzi tornino ai livelli pre-crisi. In effetti, potremmo vederlo accadere oggi.

Il petrolio è ancora in fase di raffinazione in altre strutture. Inoltre, non si è parlato di danni estesi a pozzi o strutture. A differenza dei danni causati dall’uragano che richiedono settimane per essere riparati. Questo è un evento a breve termine, quindi prepariamoci per il pullback nelle aree di supporto.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: