Italia markets open in 5 hours 17 minutes
  • Dow Jones

    30.046,24
    +454,97 (+1,54%)
     
  • Nasdaq

    12.036,79
    +156,15 (+1,31%)
     
  • Nikkei 225

    26.606,47
    +440,88 (+1,68%)
     
  • EUR/USD

    1,1906
    +0,0010 (+0,08%)
     
  • BTC-EUR

    15.932,30
    -94,67 (-0,59%)
     
  • CMC Crypto 200

    376,33
    +6,58 (+1,78%)
     
  • HANG SENG

    26.925,97
    +337,77 (+1,27%)
     
  • S&P 500

    3.635,41
    +57,82 (+1,62%)
     

Previsioni giornaliere fondamentali sul prezzo del petrolio – Le notizie sui vaccini alimentano un massiccio rally di copertura corta

James Hyerczyk
·3 minuto per la lettura

Lunedì i futures sul petrolio greggio US West Texas Intermediate e sul benchmark internazionale Brent sono saliti di oltre l’8%, mettendoli in condizione di registrare il più grande guadagno giornaliero in sei mesi. La preoccupazione che una recrudescenza dei casi di coronavirus possa far deragliare la ripresa della domanda globale ha recentemente ridotto i prezzi e l’ottimismo sul fatto che i risultati promettenti di un vaccino COVID-19 abbiano fatto aumentare i prezzi lunedì.

Alle 20:21 GMT, i futures sul petrolio greggio WTI di dicembre vengono scambiati a $ 40,42, in rialzo di $ 3,28 o + 8,83% e il petrolio greggio Brent di gennaio è a $ 42,54, in rialzo di $ 3,09 o + 7,83%. Oltre al salto di prezzo, i contratti hanno scambiato oltre il 120% del volume dell’ultima sessione.

I commercianti stavano anche celebrando i risultati delle elezioni del fine settimana che hanno nominato il democratico Joe Biden il vincitore nella corsa alla presidenza degli Stati Uniti. I guadagni potrebbero essere stati limitati, tuttavia, perché l’impennata dei prezzi potrebbe aver smorzato i piani previsti dall’OPEC + per rinviare la sua prevista riduzione dei tagli alla produzione.

Le notizie sui vaccini riducono le preoccupazioni della domanda

Le preoccupazioni per la riduzione della domanda si sono leggermente attenuate lunedì dopo che Pfizer ha affermato che il suo vaccino sperimentale è stato più del 90% efficace nel prevenire COVID-19, sulla base dei dati iniziali di un ampio studio, una vittoria nella battaglia contro una pandemia che ha costretto i blocchi intorno al mondo e ha portato a un calo della domanda di carburante.

L’OPEC + potrebbe essere disposta a modificare i tagli alla produzione

L’Arabia Saudita ha affermato che un accordo OPEC + sulla produzione di petrolio potrebbe essere regolato per bilanciare il mercato. Il ministro dell’Energia del regno, il principe Abdulaziz bin Salman, ha affermato che l’accordo OPEC + sui tagli alla produzione di petrolio potrebbe essere aggiustato se ci fosse consenso tra i membri del gruppo, aumentando la prospettiva di forniture più limitate e prezzi del petrolio più alti.

L’OPEC + sta attualmente tagliando 7,7 milioni di barili al giorno (bpd) e sta valutando di ridurre tali tagli a 5,7 milioni di barili da gennaio. Se l’OPEC + mantiene gli attuali limiti alla produzione, l’offerta restringerebbe e porterebbe a prezzi più alti.

Se il virus si dimostra efficace, potrebbe non essere necessario eseguire questa mossa.

Prospettive a breve termine

Lunedì abbiamo assistito a un bel rally, ma potrebbe essere stato uno short-cover da parte dei commercianti spaventati dalle notizie sui vaccini. Ne sapremo di più se ci sarà una mossa successiva. Non sappiamo nemmeno quanto presto potrebbe essere somministrato un vaccino e quando avverrà. Nel frattempo, la domanda continuerebbe a essere persa con la diffusione del vaccino. Questo apre l’idea di diffondere il mercato con i contratti future differiti che crescono più velocemente rispetto ai contratti future vicini.

Infine, diversi analisti affermano che il presidente Biden potrebbe allentare le misure su Iran e Venezuela, che potrebbero portare più petrolio sul mercato, il che renderebbe ancora più difficile l’equilibrio tra offerta e domanda.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: