Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.970,73
    +112,55 (+0,49%)
     
  • Dow Jones

    33.761,05
    +424,38 (+1,27%)
     
  • Nasdaq

    13.047,19
    +267,27 (+2,09%)
     
  • Nikkei 225

    28.546,98
    +727,65 (+2,62%)
     
  • Petrolio

    91,88
    -2,46 (-2,61%)
     
  • BTC-EUR

    23.844,20
    +90,78 (+0,38%)
     
  • CMC Crypto 200

    574,64
    +3,36 (+0,59%)
     
  • Oro

    1.818,90
    +11,70 (+0,65%)
     
  • EUR/USD

    1,0257
    -0,0068 (-0,66%)
     
  • S&P 500

    4.280,15
    +72,88 (+1,73%)
     
  • HANG SENG

    20.175,62
    +93,19 (+0,46%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.776,81
    +19,76 (+0,53%)
     
  • EUR/GBP

    0,8457
    -0,0001 (-0,02%)
     
  • EUR/CHF

    0,9656
    -0,0058 (-0,60%)
     
  • EUR/CAD

    1,3100
    -0,0071 (-0,54%)
     

Previsioni Prezzo Oro: la Commodity non Riesce a Mantenere i 1800 $

·2 minuto per la lettura

Il prezzo dell’Oro ha raggiunto nella giornata di martedì 28 dicembre il livello più alto dal 22 novembre; da qui la commodity ha iniziato un movimento al ribasso e ha iniziato a scendere nettamente. Un discreto rimbalzo del dollaro americano causato da un aumento dell’avversione al rischio a Wall Street ha pesato sui prezzi delle commodity, tra cui l’Oro. Ovviamente un dollaro USA in rialzo rende il metallo più costoso per gli investitori stranieri, il che porta una diminuzione della domanda e di conseguenza una diminuzione del prezzo dell’Oro.

La commodity ha registrato nelle ultime settimane un movimento rialzista interessante, superando il massimo dell’attuale fase laterale del 26 novembre, e il livello chiave di 1800 $ (livello psicologicamente importante) è stato superato nel momento in cui il dollaro USA si stava consolidando intorno al livello annuale 96,254 dell’indice DXY.

Per il prezzo dell’Oro è finito il rialzo?

Un aumento delle aspettative di inflazione, insieme ad una pausa del dollaro americano, ha aiutato l’Oro ad aumentare la propria quotazione nelle ultime settimane. I tassi di pareggio degli Stati Uniti (misurano il divario tra i rendimenti nominali e corretti per l’inflazione) negli ultimi sette giorni sono aumentati, nonostante tuttora siano al di sotto dei livelli di inizio dicembre.

Il catalizzatore del rialzo è stato soprattutto la variante Omicron poiché a causa di essa si è corso il rischio di avere restrizioni più rigide che potevano esacerbare gli attuali problemi dell’approvvigionamento, aumentando i già alti prezzi. Tuttavia, ora questi timori sono in diminuzione, nonostante un forte aumento dei casi giornalieri, queste aspettative di inflazione potrebbero presto perdere vigore e di conseguenza portare al ribasso il prezzo dell’Oro.

Analisi Tecno-Grafica e previsioni Oro

Il prezzo dell’Oro è tornato al di sotto del livello chiave 1800 $ dopo la formazione nella giornata di ieri 28 dicembre del nuovo massimo relativo a 1820,52 $.

Nonostante l’attuale ribasso, permane il momentum rialzista dove, se si riuscirà a evitare il potenziale crollo e riportarsi al di sopra del livello psicologico 1800 $, potrebbe aprire la possibilità per la commodity di andare a toccare la resistenza (ed area di swing ribassista) 1830 $.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico. È inoltre possibile seguire la nostra pagina Facebook per rimanere aggiornati sulle ultime notizie economiche e analisi tecniche.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE:

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli