Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.744,38
    +215,69 (+0,88%)
     
  • Dow Jones

    34.200,67
    +164,68 (+0,48%)
     
  • Nasdaq

    14.052,34
    +13,58 (+0,10%)
     
  • Nikkei 225

    29.683,37
    +40,68 (+0,14%)
     
  • Petrolio

    63,07
    -0,39 (-0,61%)
     
  • BTC-EUR

    45.029,57
    -6.620,11 (-12,82%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.398,97
    +7,26 (+0,52%)
     
  • Oro

    1.777,30
    +10,50 (+0,59%)
     
  • EUR/USD

    1,1980
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • S&P 500

    4.185,47
    +15,05 (+0,36%)
     
  • HANG SENG

    28.969,71
    +176,57 (+0,61%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.032,99
    +39,56 (+0,99%)
     
  • EUR/GBP

    0,8657
    -0,0026 (-0,30%)
     
  • EUR/CHF

    1,1020
    -0,0013 (-0,12%)
     
  • EUR/CAD

    1,4982
    -0,0028 (-0,18%)
     

Prezzi Gas Naturale: Tre Tentativi Falliti di Rottura del Supporto Questa Settimana

Federico Dalla Bona
·2 minuto per la lettura

Il future sul gas naturale quotato al Nymex ha raggiunto nella sessione di mercoledì 10 marzo nuovi minimi relativi a 2.615, portando a -21.14% la perdita dai massimi del 17 febbraio.

Da rilevare che in tutte le prime tre sedute della settimana i prezzi si sono spinti provvisoriamente sotto alla linea del supporto di breve periodo a 2.640, senza mai riuscire a confermarne la rottura ribassista in chiusura daily.

“L’Europa ha bisogno seriamente di allontanarsi dall’uso di combustibili fossili se vuole raggiungere gli obiettivi climatici che si è prefissata”. E’ il pensiero del presidente della Banca Europea per gli Investimenti Werner Hoyer, che già alla fine dello scorso gennaio si era fatto notare durante la conferenza stampa di presentazione dei risultati annuali della banca, quando aveva affermato: “Per usare un eufemismo, il gas è finito”.

L’uso del gas naturale come alternativa pulita per allontanarsi da altri combustibili fossili è tuttora oggetto di dibattito controverso in Europa. La Commissione Europea ha sostenuto in passato che è necessario aiutare i paesi che dipendono dal carbone a ridurre le emissioni.

Ma Hoyer ha più volte ribattuto che quegli stessi Stati membri dell’UE “che hanno messo tutte le uova nel paniere del gas”, a breve avranno bisogno di nuovo sostegno per passare ad altre soluzioni. “Invece di finanziare attività che saremo costretti ad ammortizzare domani, dovremmo investire in efficienza energetica, energie rinnovabili, mobilità sostenibile e innovazione verde”.

La BEI sta cercando di trasformarsi nella “banca del clima dell’UE”. La sua tabella di marcia per raggiungere questo obiettivo, pubblicata nel novembre dello scorso anno, prevede di sbloccare forti investimenti per finanziamenti verdi e di utilizzare il 50% della propria attività per sostenere l’azione per il clima entro il 2030. La stessa Banca metterà fine ai finanziamenti per i progetti di energia da combustibili fossili entro gennaio 2021.

Il Quadro Tecnico per il Gas Naturale

Torniamo al quadro tecnico. Vista la tenuta di quota 2.640 che non è mai stata forata da chiusure daily nonostante i tre tentativi consecutivi nelle ultime tre giornate, consideriamo intatte le potenzialità di avvio di un recupero entro la fine della settimana in corso.

Le aspettative sono strettamente subordinate da questo momento alla tenuta dei già nominati minimi weekly raggiunti ieri a 2.615. Le resistenze, che costituiscono gli obiettivi più vicini, sono scese da inizio settimana portandosi a 2.893/906 e 3.000/3.057 (area). In caso di violazione di 2.615, senza attendere conferme in chiusura daily, troveremmo i supporti successivi non prima di 2.445/452 e 2.346/358.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: