Italia markets open in 8 hours 25 minutes
  • Dow Jones

    32.803,47
    +76,67 (+0,23%)
     
  • Nasdaq

    12.657,55
    -63,04 (-0,50%)
     
  • Nikkei 225

    28.175,87
    +243,67 (+0,87%)
     
  • EUR/USD

    1,0178
    -0,0072 (-0,70%)
     
  • BTC-EUR

    22.867,16
    -67,90 (-0,30%)
     
  • CMC Crypto 200

    533,20
    -2,02 (-0,38%)
     
  • HANG SENG

    20.201,94
    +27,94 (+0,14%)
     
  • S&P 500

    4.145,19
    -6,75 (-0,16%)
     

Prezzi Petrolio Greggio: Future WTI in Forte Aumento Dopo 1 Mese di Calo

I prezzi del future sul petrolio greggio WTI, quotato in dollari al Nymex, stanno attraversando un avvio di settimana all’insegna della pressione rialzista.

Appena giovedì scorso, 14 luglio, le rilevazioni si erano spinte al ribasso fino a 90.56, spingendosi su livelli che non vi vedevano addirittura da fine febbraio. Mediante l’allungo odierno il mercato ha esteso fino a +13.09% l’ammontare complessivo del recupero che sale dai minimi menzionati, misurato fino al picco di oggi a quota 102.41.

Ricordiamo comunque che il petrolio arrivava da un mese esatto di ribasso, durante il quale le quotazioni erano scese del -26.78% da 123.68 a 90.56. Mentre sono le 17.12 CET di lunedì 18 luglio, il contratto Future Light Crude Oil con scadenza ad agosto viene passato di mano a 101.32 dollari, in incremento del +3.82% su base giornaliera.

Benzina in Calo da Oltre un Mese Negli USA

I prezzi della benzina negli USA hanno fatto registrare la quinta settimana consecutiva di calo, ma il WTI, dopo quattro settimane di correzione, pare adesso in procinto di ripartire di nuovo al rialzo, mettendo ovviamente a repentaglio la discesa recente del costo alla pompa. “Abbiamo visto il prezzo medio nazionale della benzina diminuire per la quinta settimana consecutiva.

È probabile che questa tendenza raggiunga la sesta settimana consecutiva, con i prezzi medi che dovrebbero scendere di nuovo almeno fino a venerdì prossimo.” Lo ha affermato Patrick De Haan, capo della società di ricerca BadBuddy, aggiungendo che gli Stati Uniti hanno visto 34 giorni di continui cali dei prezzi.

I prezzi della benzina negli Stati Uniti sono ancora più alti di circa $ 1,35 rispetto ad un anno fa, nonostante il calo significativo nell’ultimo mese. Intanto, oggi le quotazioni del petrolio sono state registrate in forte aumento, con il WTI che ha riconquistato livelli superiori a $ 100 al barile, una minaccia esiziale per il crollo dei prezzi alla pompa.

Atteso un Riavvicinamento ai Supporti

Come ben evidenziato dal grafico a barre di 30 minuti, Il rialzo odierno dei prezzi si è almeno per il momento interrotto a contatto con l’ampia area delle resistenze intermedie che si staglia fra 101.72 e 102.88.

Riteniamo probabile che il mercato, prima di oltrepassare tali resistenza, debba prima effettuare un provvisorio riavvicinamento ai supporti, che sono localizzati a 99.85 e non prima di 97.25/97.45. I supporti costituiscono i punti ove sono concentrati in questa fase i compratori, per cui rappresenteranno altrettanti probabili punti di ripartenza del rialzo in caso di arretramenti, in particolare fra stanotte e domani (martedì 19 luglio).

Le proiezioni forniscono un obiettivo a 104.00/104.15, raggiunto il quale dovremo attendere indicazioni dai prezzi prima di aggiornare l’analisi. Lo scenario verrebbe annullato dall’eventuale cedimento del secondo supporto, mediante una chiusura su grafico a 30 minuti inferiore a 97.25.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE:

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli