Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.156,69
    +265,67 (+0,78%)
     
  • Nasdaq

    12.113,79
    +226,34 (+1,90%)
     
  • Nikkei 225

    27.685,47
    -8,18 (-0,03%)
     
  • EUR/USD

    1,0732
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • BTC-EUR

    21.611,90
    +112,77 (+0,52%)
     
  • CMC Crypto 200

    534,56
    +8,61 (+1,64%)
     
  • HANG SENG

    21.298,70
    +76,54 (+0,36%)
     
  • S&P 500

    4.164,00
    +52,92 (+1,29%)
     

Price cap: 60 dollari al barile di greggio russo

L’Unione Europea impone un prezzo non superiore ai 60 dollari per il greggio russo trasporato da compagnie occidentali verso paesi terzi , il cosiddetto price cap, deciso ad ottobre riguarda il petrolio che la Russia venderà via mare ai paesi esterni all’Unione. Lo scopo resta quello di strangolare l'economia russa e quindi fiaccare lo sforzo bellico in Ucraina.

Un accordo non semplice

Il raggiungimento di un accordo sul tetto al prezzo del petrolio è stato annunciato su Twitter dalla presidenza di turno del Consiglio dell’Unione Europea, l’organo in cui siedono tutti i governi dell’Unione, che da luglio spetta alla Repubblica Ceca. La Polonia si era inizialmente opposta chiedendo un tetto di 30 euro al barile ma poi è rinetrata nei ranghi.

La nuova sanzione

Il price cap si aggiunge quindi alle altre sanzioni che gravano su Mosca a partire dal blocco delle importazioni di petrolio russo all’interno dell’Unione Europea (quelle via mare, quindi circa due terzi del totale), che scatta il 5 dicembre.