Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.621,72
    -63,95 (-0,26%)
     
  • Dow Jones

    34.429,88
    +34,87 (+0,10%)
     
  • Nasdaq

    11.461,50
    -20,95 (-0,18%)
     
  • Nikkei 225

    27.777,90
    -448,18 (-1,59%)
     
  • Petrolio

    80,34
    -0,88 (-1,08%)
     
  • BTC-EUR

    16.191,00
    -24,43 (-0,15%)
     
  • CMC Crypto 200

    404,33
    +2,91 (+0,72%)
     
  • Oro

    1.797,30
    -3,80 (-0,21%)
     
  • EUR/USD

    1,0531
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • S&P 500

    4.071,70
    -4,87 (-0,12%)
     
  • HANG SENG

    18.675,35
    -61,09 (-0,33%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.977,90
    -6,60 (-0,17%)
     
  • EUR/GBP

    0,8573
    -0,0012 (-0,13%)
     
  • EUR/CHF

    0,9867
    +0,0006 (+0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,4186
    +0,0060 (+0,43%)
     

Prossimi rialzi Bce non saranno necessariamente "mega" aumenti - Villeroy

Francois Villeroy de Galhau, governatore della Banca centrale di Francia e membro del comitato esecutivo della Bce, a Parigi

PARIGI (Reuters) - I futuri aumenti dei tassi d'interesse da parte della Banca centrale europea non saranno necessariamente aumenti "giganteschi" come quello di ieri.

Lo ha affermato Francois Villeroy de Galhau, membro del consiglio direttivo della Bce e governatore della Banca di Francia, ospite di un evento sul portale finanziario Boursorama.

La Bce ha aumentato nuovamente i tassi d'interesse e ha messo in agenda la riduzione del proprio bilancio, ma ha comunicato che sono già stati compiuti progressi "significativi" nel tentativo di contrastare l'impennata record dell'inflazione.

La banca centrale ha aumentato il tasso di deposito di altri 75 punti base, portandolo all'1,5%, il tasso più alto dal 2009.

(Tradotto da Chiara Scarciglia, editing Sara Rossi)