Italia markets closed
  • FTSE MIB

    21.354,65
    +60,79 (+0,29%)
     
  • Dow Jones

    31.097,26
    +321,83 (+1,05%)
     
  • Nasdaq

    11.127,84
    +99,11 (+0,90%)
     
  • Nikkei 225

    25.935,62
    -457,42 (-1,73%)
     
  • Petrolio

    108,46
    +2,70 (+2,55%)
     
  • BTC-EUR

    18.396,84
    -1.221,75 (-6,23%)
     
  • CMC Crypto 200

    420,84
    +0,70 (+0,17%)
     
  • Oro

    1.812,90
    +5,60 (+0,31%)
     
  • EUR/USD

    1,0426
    -0,0057 (-0,54%)
     
  • S&P 500

    3.825,33
    +39,95 (+1,06%)
     
  • HANG SENG

    21.859,79
    -137,10 (-0,62%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.448,31
    -6,55 (-0,19%)
     
  • EUR/GBP

    0,8622
    +0,0015 (+0,17%)
     
  • EUR/CHF

    1,0003
    -0,0005 (-0,05%)
     
  • EUR/CAD

    1,3434
    -0,0056 (-0,42%)
     

Putin, "grazie a Dio" alcune aziende straniere hanno lasciato Russia

Il presidente russo Vladimir Putin a Mosca

LONDRA (Reuters) - Il presidente russo Vladimir Putin ha detto di essere contento che alcune aziende straniere abbiano lasciato la Russia perché le imprese locali potrebbero prendere il loro posto e ha avvertito l'Occidente che Mosca troverà comunque il modo di acquisire tecnologia avanzata e beni di lusso.

Putin ha presentato l'invasione dell'Ucraina come un punto di svolta nella storia russa: una rivolta di Mosca contro gli Stati Uniti, che a suo dire hanno umiliato la Russia dopo la caduta dell'Unione Sovietica nel 1991. L'Ucraina dice di lottare per la propria sopravvivenza.

Oltre alla morte e all'orrore della guerra, il conflitto e il tentativo dell'Occidente di isolare la Russia come punizione hanno frenato la crescita economica globale e innescato un'ondata di inflazione con l'impennata dei prezzi di grano, olio da cucina, fertilizzanti ed energia.

Dall'inizio della guerra, una serie di importanti investitori stranieri - da Bp a McDonald's - sono usciti dal Paese proprio mentre l'economia russa affronta la peggiore contrazione dagli anni successivi alle turbolenze del crollo sovietico.

"A volte, quando guardiamo coloro che se ne vanno - grazie a Dio, forse? Noi occuperemo le loro nicchie: il nostro business, la nostra produzione - è già cresciuta, e siederà al sicuro sul terreno preparato dai nostri partner", ha detto Putin.

Parlando in collegamento video ai leader degli Stati ex-sovietici, Putin ha detto che i beni di lusso come le Mercedes amate dai banditi nel caos della Russia post-sovietica saranno ancora disponibili, pur ammettendo che potrebbero essere un po' più costosi.

"Sarà un po' più costoso per loro, ma si tratta di persone che già guidavano le Mercedes 600 e continueranno a farlo. Posso assicurarvi che le porteranno qui da qualsiasi luogo, da qualsiasi Paese".

Putin ha sottolineato anche che la Russia ha ancora bisogno di accedere alle tecnologie avanzate delle economie sviluppate. "Non ne saremo tagliati fuori", ha assicurato.

(Tradotto da Luca Fratangelo, editing Claudia Cristoferi)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli