Italia markets close in 5 hours 27 minutes
  • FTSE MIB

    21.070,76
    +4,21 (+0,02%)
     
  • Dow Jones

    29.590,41
    -486,29 (-1,62%)
     
  • Nasdaq

    10.867,93
    -198,87 (-1,80%)
     
  • Nikkei 225

    26.431,55
    -722,28 (-2,66%)
     
  • Petrolio

    78,34
    -0,40 (-0,51%)
     
  • BTC-EUR

    19.792,42
    -89,36 (-0,45%)
     
  • CMC Crypto 200

    437,27
    -7,26 (-1,63%)
     
  • Oro

    1.649,90
    -5,70 (-0,34%)
     
  • EUR/USD

    0,9649
    -0,0039 (-0,41%)
     
  • S&P 500

    3.693,23
    -64,76 (-1,72%)
     
  • HANG SENG

    17.855,14
    -78,13 (-0,44%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.333,00
    -15,60 (-0,47%)
     
  • EUR/GBP

    0,9016
    +0,0083 (+0,93%)
     
  • EUR/CHF

    0,9538
    +0,0029 (+0,31%)
     
  • EUR/CAD

    1,3157
    -0,0012 (-0,09%)
     

Rallentamento zona euro non sufficiente per controllare inflazione - de Guindos (Bce)

Luis de Guindos, vicepresidente della Bce, a Berlino

FRANCOFORTE (Reuters) - Il rallentamento dell'economia della zona euro - o una potenziale recessione - non sarà sufficiente a controllare l'inflazione e la Banca Centrale Europea dovrà continuare ad aumentare i tassi di interesse.

Lo ha detto Luis de Guindos, vicepresidente della Bce, al quotidiano portoghese l'Expresso.

"Il rallentamento dell'economia non 'si occuperà' autonomamente dell'inflazione", ha detto de Guindos.

"Il rallentamento dell'economia ridurrà le pressioni sulla domanda e quindi l'inflazione", ha aggiunto. "Ma, allo stesso tempo, dobbiamo agire dal punto di vista della politica monetaria per mantenere ancorate le aspettative di inflazione ed evitare effetti secondari".

(Tradotto da Enrico Sciacovelli, editing Claudia Cristoferi)